Teatro: due palermitani dirigeranno "Il Trovatore" di Giuseppe Verdi :ilSicilia.it

Teatro: due palermitani dirigeranno “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi

di
2 Dicembre 2019

Due palermitani nel nuovo allestimento dell’opera “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi, in tour nei teatri italiani, che si fermerà a Sassari questo weekend.

Si tratta del direttore d’orchestra Alberto Maniaci, tra i più giovani direttori d’Orchestra d’Italia, e il regista Roberto Catalano.

I DUE SICILIANI

A dirigere l’orchestra sarà il trentaduenne palermitano, Alberto Maniaci, reduce dalla conduzione di un’altra celeberrima opera verdiana, “La Traviata“, andata in scena lo scorso settembre al Teatro Massimo di Palermo.

Alberto Maniaci
Alberto Maniaci

Maniaci, oltre a essere “tra le bacchette più interessanti di questa generazione” secondo L’Espresso, è uno dei direttori d’orchestra più giovani d’Italia.

Nel 2016 è stato l’unico direttore allievo italiano di Riccardo Muti per la seconda edizione della “Riccardo Muti Music Academy”.

Ha collaborato inoltre, in veste di direttore, con artisti come il jazzista Paolo Fresu e Ian Paice.

Diplomato in Pianoforte, Composizione e Direzione d’orchestra, ha conseguito svariati premi e riconoscimenti internazionali.

Ha diretto tra le tante:

  • la “Peter The Great Music Academy” di San Pietoburgo;
  • l’Orchestra Jazz Siciliana;
  • l’Orchestra Giovanile Mediterranea, compagnia orchestrale da egli stesso fondata.
teatro massimo
Roberto Catalano

Insieme a lui troviamo un altro palermitano, Roberto Catalano, regista trentaquattrenne che ha ideato questa nuova produzione appositamente per la Stagione del teatro lirico dell’Ente de Carolis. 

L’OPERA

Tratto dall’opera “El Trovador” di Antonio Garcìa Gutiérrez, datata 1853, “Il Trovatore” è l’opera verdiana che, assieme a “La Traviata” e “Rigoletto“, compone la cosiddetta trilogia popolare di Giuseppe Verdi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.