17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.29
Palermo

un'opera a tinte agrodolci

Teatro, “E muriu u cani”: uno sguardo all’antica sulla Palermo di oggi | Fotogallery

11 Maggio 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto

Ieri sera, 10 maggio,  in anteprima per la prossima stagione, al Teatro alla Guilla di Palermo è andato in scena E muriu u cani, di Giada Baiamonte e con l’aiuto regia di Viviana Lombardo. In attesa della nuova stagione, andrà in replica stasera 11 maggio, nuovamente al Teatro alla Guilla, alle 21.

e muriu u caniA pochi passi dalla Cattedrale, in uno spazio semplice e schietto, forse un po’ sacrificato, si alza il sipario sul padre defunto di cinque figli che volenti o nolenti sono costretti a riunirsi per trascorrere un’ultima notte con lui. Si comincia con toni formali, quasi da repertorio, sintomo di una perfetta estraneità tra i fratelli. In un crescendo dolce-amaro, a tratti ironico, la veglia diventa l’autentico pretesto per raccontarsi, confrontarsi, confessare l’inconfessabile, sputandosi addosso le parole più crude.

Uno spettacolo che nasce dalla voglia di mettersi in gioco ed esporsi, e che la regista ha definito “coraggioso”, come “coraggioso” è il pubblico rimasto fino alla fine. E muriu u cani è un pugno nello stomaco, invita a prendere posto con la scusa del caffè, con un profumo che da sempre sa di casa e condivisione; ma al contempo quello stesso invito diventa schiaffo amorale, portatore sano di inquietudine, dolore.

“Ed è il dolore che ci porta ad essere simili”, aggiunge la stessa Giada Baiamonte. “Quello che comunichiamo è la vera intimità. Noi accogliamo il pubblico dentro casa nostra, e qui ci spogliamo anche dei nostri abiti più scomodi, e alla fine restiamo tutti senza maschera”.

Nel vegliare un’usanza che prima o poi tutti dobbiamo rispettare – la morte – si fa spazio una sofferenza nutrita dall’ignoranza, dall’abuso, dalla e muriu u canistupidità, dalla frustrazione, dalla paura, che dopo una vita al buio, abbatte tutte le barriere, e diventa luce. Quando la necessità costringe i protagonisti a usare le parole più nude e sincere, cade finalmente la maschera e si vede l’uomo.

Si vede quindi la vera essenza di Maria, Rosa, Margherita, Totò e Giuseppe (rispettivamente, Fabiola Arculeo, Marzia Coniglio, Giada Baiamonte, Salvatore Lorenzini e Domenico Bravo), che insieme con concretezza diventano uno sguardo all’antica di una Palermo sempre attuale.

“Essere all’antica talvolta viene visto come un difetto, come una chiusura ancora oggi la veglia continua ad essere ‘praticata’ in alcune case palermitane. La morte è sempre quotidiana, ed è l’unica cosa certa che abbiamo”.

“Il fatto che ci sia un rito su questa cosa certa, io lo trovo in qualche modo poetico, e spero non venga perso. E muriu u cani mantiene un tipo di linguaggio che ancora esiste, è un palermitano parlato dai miei nonni, anch’esso poetico. In questo senso – conclude l’autrice –  sono fiera di essere all’antica”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.