Teatro: elegante ed estetico il viaggio nei "Sei personaggi" di Roberto Latini :ilSicilia.it
Palermo

Interpretazione ineccepibile di Di Tanno

Teatro: elegante ed estetico il viaggio nei “Sei personaggi” di Roberto Latini

di
11 Ottobre 2019

L’eleganza si regola senza parole“. Roberto Latini è ritornato a Palermo, all’interno della quinta edizione del Festival Teatro Bastardo, con “SEI. E dunque perché si fa meraviglia di noi?“.

Un viaggio estetico quello di Latini che torna a Pirandello nella sua personale perlustrazione del teatro contemporaneo che parte dai classici per approdare altrove, destrutturando la forma ed arrivando al nucleo emotivo.

A scena aperta su un trespolo, di spalle e dinoccolato, ad accogliere gli spettatori c’è Piergiuseppe Di Tanno (nel 2018 Premio Ubu come Migliore attore under 35) per cominciare una “distillazione”  del testo originale, indissolubilmente legato all’universo visivo e sonoro creato con Max Mugnai e Gianluca Misiti.

Piergiuseppe Di Tonno
Piergiuseppe Di Tonno

È un esercizio fisico quello sulla scena di Di Tanno che coinvolge corpo e anima in una pèrformance continua, con pause poetiche affidate allo svolazzare leggiadro di un grande telo bianco.

Passa da uno all’altro dei ‘sei personaggi’ non perdendo mai il “fuoco sacro” che li sorregge tutti, divenendo lui il settimo, e che spesso giunge allo spettatore travolgendolo: alter ego di se stesso, imbastisce una trama a più voci che sì attinge al testo originale di Pirandello, passando poi per l’Amleto in lingua originale, ma che, a nostro avviso, si nutre di nuova energia nell’interpretazione di Di Tanno.

Tutto il teatro di Latini, e dell’interprete, è nelle gocce di sudore che escono dalla canotta strizzata al centro del palcoscenico prima di cambiare prospettiva di racconto; è lì la sintesi dell’incontro tra teatro classico e contemporaneo, che ben rientra negli ‘sconfinamenti‘ della quinta edizione del Festival Bastardo, e che sostanzia la ricerca di una “coscienza del teatro che ammette se stesso e che diventa, insieme al mezzo, il fine“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv