Teatro: elegante ed estetico il viaggio nei "Sei personaggi" di Roberto Latini :ilSicilia.it
Palermo

Interpretazione ineccepibile di Di Tanno

Teatro: elegante ed estetico il viaggio nei “Sei personaggi” di Roberto Latini

11 Ottobre 2019

L’eleganza si regola senza parole“. Roberto Latini è ritornato a Palermo, all’interno della quinta edizione del Festival Teatro Bastardo, con “SEI. E dunque perché si fa meraviglia di noi?“.

Un viaggio estetico quello di Latini che torna a Pirandello nella sua personale perlustrazione del teatro contemporaneo che parte dai classici per approdare altrove, destrutturando la forma ed arrivando al nucleo emotivo.

A scena aperta su un trespolo, di spalle e dinoccolato, ad accogliere gli spettatori c’è Piergiuseppe Di Tanno (nel 2018 Premio Ubu come Migliore attore under 35) per cominciare una “distillazione”  del testo originale, indissolubilmente legato all’universo visivo e sonoro creato con Max Mugnai e Gianluca Misiti.

Piergiuseppe Di Tonno
Piergiuseppe Di Tonno

È un esercizio fisico quello sulla scena di Di Tanno che coinvolge corpo e anima in una pèrformance continua, con pause poetiche affidate allo svolazzare leggiadro di un grande telo bianco.

Passa da uno all’altro dei ‘sei personaggi’ non perdendo mai il “fuoco sacro” che li sorregge tutti, divenendo lui il settimo, e che spesso giunge allo spettatore travolgendolo: alter ego di se stesso, imbastisce una trama a più voci che sì attinge al testo originale di Pirandello, passando poi per l’Amleto in lingua originale, ma che, a nostro avviso, si nutre di nuova energia nell’interpretazione di Di Tanno.

Tutto il teatro di Latini, e dell’interprete, è nelle gocce di sudore che escono dalla canotta strizzata al centro del palcoscenico prima di cambiare prospettiva di racconto; è lì la sintesi dell’incontro tra teatro classico e contemporaneo, che ben rientra negli ‘sconfinamenti‘ della quinta edizione del Festival Bastardo, e che sostanzia la ricerca di una “coscienza del teatro che ammette se stesso e che diventa, insieme al mezzo, il fine“.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.