Teatro in lutto: scomparsa l'attrice e regista messinese Donatella Venuti :ilSicilia.it
Messina

la carriera

Teatro in lutto: scomparsa l’attrice e regista messinese Donatella Venuti

di
4 Luglio 2020

Il teatro messinese perde una una grande stella. È morta l’attrice e regista Donatella Venuti, che a un’attività artistica molto intensa, cominciata nel 1974, ha unito anche quella didattica. Ha diretto laboratori teatrali e corsi di recitazione.

Ha anche organizzato spettacoli classici e messo in scena numerose opere di sua produzione. Tra le ultime rappresentazioni “Cuerpo de alma” al teatro 3 Mestieri per il ciclo del “teatro all’aperto” e “Caterina“, una storia familiare tragica con tinte grottesche.

In precedenza per il teatro di Morman aveva scritto e interpretato “Frida Kahlo. Io sono una donna d’acqua“, un omaggio alla pittrice simbolo di una femminilità trasgressiva.

Oltre al teatro, Donatella Venturi, che era laureata in lettere e filosofia, aveva recitato nel film “L’ultimo padrino” di Marco Risi e nella serie televisiva di Rai3 “Agrodolce” girata in Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin