Teatro: in scena al Biondo il "Viaggio straordinario” del Circ'Opificio | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

150 allievi coinvolti

Teatro: in scena al Biondo il “Viaggio straordinario” del Circ’Opificio | FOTO

23 Giugno 2019

Guarda le foto in alto 

Nel titolo emblematico “Viaggio straordinario”, nuovo spettacolo del Circ’Opificio di Palermo, Scuola di Circo e Arti Performative, con la regia di Marika Riggio, sta tutta la particolarità di un momento artistico che vuole essere, prima di tutto, condivisione di culture, tradizioni e, in fin dei conti, umanità.

Sul palco del Teatro Biondo di Palermo, sabato 29 giugno, ore 20,30, infatti, si alterneranno ben 150 allievi, dai cinque ai cinquant’anni, che accompagneranno, in un percorso straordinario appunto, il protagonista, curioso della vita che, con mille avventure, sperimenterà il potere educativo e trasformativo del viaggio e dell’arte.

E quest’ultima verrà esplorata attraverso diverse discipline: acrobatica aerea e a terra, giocoleria, equilibrio, danza contemporanea, teatro e clowneria, lindy hop, acro-yoga e break dance.

Cinque continenti saranno attraversati da un gentiluomo che parte dall’Europa per scoprire e conoscere il mondo.

Si partirà da Londra, poi Roma e Parigi, quando il quadro cambia e gli spettatori saranno proiettati nella calda Africa con i suoi animali e la vegetazione dirompente, una capatina al freddo polare dell’Artico passando per l’Asia, con la sua spiritualità, e ancora la Cina con i suoi ninja e i colorati dragoni, e poi l’America opulenta e creativa, per concludere il viaggio nell’incontaminata Oceania.

Il corpo degli allievi del Circ’Opificio si snoderà e si trasformerà per entrare in contatto con altri Paesi, altri valori, culture, tradizioni, tanti uomini, ma anche animali, climi diversi, usi, costumi e religioni, un meltin pot che pone l’accento sull’aggregazione e l’inclusione.

Lo spettacolo trae ispirazione dal romanzo “Il giro del mondo in 80 giorni” di Jules Verne, per arrivare ad una riflessione più ampia del concetto di viaggio attraverso lo spazio e nel tempo, tra la storia dei cinque continenti.

Centocinquanta allievi amatori accompagnati dagli insegnanti della scuola e da alcuni ospiti: il fondatore Josh Rizzuto, che interpreterà il viaggiatore inglese, è una figura cardine e allo stesso tempo farà da collante tra le varie scene per far emergere tutto quello che il Circ’Opificio offre ai propri allievi, veri protagonisti sulla scena: una sorta di Caronte che traghetterà lo spettatore alla scoperta di nuovi mondi con un finale “straordinario“.

Il Circ’Opificio è una comunità che accoglie e include rendendo tutti partecipi, esaltando e valorizzando le peculiarità del singolo – afferma Marika Riggio – Questo spettacolo racconta il progetto della nostra scuola, dove la competizione lascia spazio alla partecipazione e la diversità è ricchezza“.

Replica domenica 30 alle 18; è possibile acquistare i biglietti (euro 10) presso la segreteria del Circ’Opificio (via Ammiraglio Denti di Piraino,1), la mattina dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 13, il pomeriggio dalle 15.30 alle 20.30 dal lunedì al venerdì; per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 329 7169258.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.