Teatro, in scena "Biancaneve": viaggio tra le pieghe dell'inconscio e la fiaba | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

produzione del Teatro del Carretto

Teatro, in scena “Biancaneve”: viaggio tra le pieghe dell’inconscio e la fiaba | VIDEO

11 Ottobre 2019

Guarda il video in alto

Tra sogno, fiaba e rappresentazione teatrale è andato in scena, nella sala Strehler del Biondo, l’unica replica di “Biancaneve“, manifesto artistico della compagnia Teatro del Carretto.

Lo spettacolo, infatti, risale al 1983 e da allora ha girato il mondo attraversando numerose nazioni,  riscuotendo sempre grande successo (si contano oltre 2500 repliche – ndr); e avendolo visto si capisce facilmente il perchè.

In un grande mobile di legno sono custoditi spazi, personaggi, attori e scenografia in quello che si può definire un delizioso scrigno di “artigianato rappresentativo” e che rappresenta le camere dell’inconscio.

BIANCANEVE

Tratto dal testo di Jacob e Willhelm Grimm si racconta la ben nota fiaba di Biancaneve ma con un serie di accorgimenti tecnico stilistici che rendono la pièce uno spettacolo non solo per bambini ma anche, o forse soprattutto, per gli adulti che vogliono ancora sognare, anche dentro un teatro.

Attori e personaggi della fiaba compaiono tutti da questo mobile che li ospita: la prima a comparire è una dama, dalle delicatissime movenze, che imbastisce con i suoi gesti le trame iniziali della storia della piccola Biancaneve.

Nei diversi passaggi della storia vengono fuori la perfida matrigna, la piccola Biancaneve, il cacciatore, i sette nani e, ovviamente, il principe in un gioco di scale dimensionali in cui a volte la matrigna è umana e spunta sul palcoscenico e altre è in forma di marionetta e si dimena nelle irreprensibili sequenze di Giacomo Vezzani e Giacomo Pecchia, in perfetto equilibrio con gli attori, bravissimi, Anna Solinas e Ian Gualdani.

Estremamente poetici, poi, i nani nei quadri del lavoro in miniera o, nella versione più grande, nella fila indiana che spunta da dietro le quinte.

A completare, infine, questo piccolo quadro narrativo, che ben si colloca tra il viaggio interiore, il sogno e il lavoro teatrale, sono la voce fuori campo e le bellissime musiche, evocative e suggestive; scene e costumi sono di Graziano Gregori, adattamento e regia di Maria Grazia Cipriani.

Lo spettacolo è andato in scena all’interno del cartellone della quinta edizione del Festival Teatro Bastardo.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.