Teatro, in scena "Biancaneve": viaggio tra le pieghe dell'inconscio e la fiaba | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

produzione del Teatro del Carretto

Teatro, in scena “Biancaneve”: viaggio tra le pieghe dell’inconscio e la fiaba | VIDEO

di
11 Ottobre 2019

Guarda il video in alto

Tra sogno, fiaba e rappresentazione teatrale è andato in scena, nella sala Strehler del Biondo, l’unica replica di “Biancaneve“, manifesto artistico della compagnia Teatro del Carretto.

Lo spettacolo, infatti, risale al 1983 e da allora ha girato il mondo attraversando numerose nazioni,  riscuotendo sempre grande successo (si contano oltre 2500 repliche – ndr); e avendolo visto si capisce facilmente il perchè.

In un grande mobile di legno sono custoditi spazi, personaggi, attori e scenografia in quello che si può definire un delizioso scrigno di “artigianato rappresentativo” e che rappresenta le camere dell’inconscio.

BIANCANEVE

Tratto dal testo di Jacob e Willhelm Grimm si racconta la ben nota fiaba di Biancaneve ma con un serie di accorgimenti tecnico stilistici che rendono la pièce uno spettacolo non solo per bambini ma anche, o forse soprattutto, per gli adulti che vogliono ancora sognare, anche dentro un teatro.

Attori e personaggi della fiaba compaiono tutti da questo mobile che li ospita: la prima a comparire è una dama, dalle delicatissime movenze, che imbastisce con i suoi gesti le trame iniziali della storia della piccola Biancaneve.

Nei diversi passaggi della storia vengono fuori la perfida matrigna, la piccola Biancaneve, il cacciatore, i sette nani e, ovviamente, il principe in un gioco di scale dimensionali in cui a volte la matrigna è umana e spunta sul palcoscenico e altre è in forma di marionetta e si dimena nelle irreprensibili sequenze di Giacomo Vezzani e Giacomo Pecchia, in perfetto equilibrio con gli attori, bravissimi, Anna Solinas e Ian Gualdani.

Estremamente poetici, poi, i nani nei quadri del lavoro in miniera o, nella versione più grande, nella fila indiana che spunta da dietro le quinte.

A completare, infine, questo piccolo quadro narrativo, che ben si colloca tra il viaggio interiore, il sogno e il lavoro teatrale, sono la voce fuori campo e le bellissime musiche, evocative e suggestive; scene e costumi sono di Graziano Gregori, adattamento e regia di Maria Grazia Cipriani.

Lo spettacolo è andato in scena all’interno del cartellone della quinta edizione del Festival Teatro Bastardo.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.