Teatro Libero: in scena "Asuelto", corteggiamento e passione in un gioco di corpi [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

Per la sezione Danza Contemporanea

Teatro Libero: in scena “Asuelto”, corteggiamento e passione in un gioco di corpi [VIDEO]

1 Febbraio 2018

 

Un gioco di corpi in cui l’attrazione, che si mescola alla distanza, genera un gioco di avvicinamento e respingimento, proprio come se sul palco ci fossero delle calamite: questa è l’essenza di “Asuelto“, spettacolo di danza della compagnia HuryCan, in collaborazione con l’Istituto Cervantes, che debutta giovedì 8, ore 21.15, al Teatro Libero.

Un lavoro a quattro ideato da Candelaria Antelo e Arthur Bernard Bazin, che ritornano a Palermo dopo la loro incursione urbana con il progetto Te Odiero.

I due coreografi, che hanno già portato le loro coreografie in città negli spazi del Museo di Palazzo Abatellis, vivono e operano a Madrid e sono sulla scena con Pau Colera e Mario Olave Jimenez, sulle note di Sergio Salvi.

Singoli che si scontrano, s’incontrano e s’interrogano, persi nella deriva del movimento ora dolce e appassionato, ora violento ed estremo, com’è la vita e com’è la comunicazione tra gli esseri umani.

HuryCan è una giovane e affermata compagnia di danza madrilena che torna al Libero dopo una lunghissima tournée internazionale: da Singapore a Buenos Aires, da Barcelona a con questa nuova produzione e che prosegue la linea di ricerca coreografica lanciata lo scorso anno con lo spettacolo Te Odiero, trasformare il movimento in uno strumento di narrazione.

Repliche fino al 10 febbraio.

 

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.