23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.55
Palermo

Fino a sabato 1 dicembre

Teatro Libero, in scena lo spettacolo pluripremiato “André y Dorine” | VIDEO

27 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Dopo aver toccato 25 nazioni in sette anni di repliche, arriva al Teatro Libero di Palermo,  giovedì 29 novembre alle 21.15, lo spettacolo pluripremiato “André y Dorine” di José Dault, Garbiñe Insausti, Edu Cárcamo, il trio in scena, Iñaki Rikarte che cura anche la regia, e Rolando San Martín; musiche sono di Yayo Cáceres.

In una piccola stanza dove i ricordi decorano le pareti, risuonano i tasti di una macchina per scrivere e le note di un violoncello.

Andrè y Dorine

André y Dorine vivono come una qualsiasi coppia di anziani: una quotidianità fatta di piccole cose, tra nostalgia e ricordi. A volte, l’abbandono nutre l’indifferenza che lentamente prende il posto di quella passione così forte che un tempo li univa, fino a quando un triste evento non giunge a interromperne la monotonia.

Un evento che divora ricordi e identità. I due anziani si trovano così a dar vita a un nuovo inizio, cercando e frugando nella loro memoria quei ricordi di un’esistenza trascorsa insieme, che permettono loro di salvarsi dall’oblio e ritrovare, con nuova luce, quell’amore che li ha uniti.

Il nostro intento – afferma l’attore e regista Iñaki Rikarte – è stato quello di creare uno spettacolo senza confini, con la volontà di scoprire un linguaggio che andasse oltre la parola. Un linguaggio capace di emozionare e divertire allo stesso tempo. È nata così una creazione che trascende le barriere linguistiche, che attraverso l’uso della maschera e di una forte partitura gestuale riesce ad esplorare temi importanti come l’amore, la coppia, la memoria; il tutto scandito da una profonda dolcezza e da un sottile umorismo.

La presenza a Palermo di Kulunka Teatro è supportata da PICE/Acción Culturale Española; repliche fino a sabato 1 dicembre. Informazioni su biglietti e abbonamenti sul sito del Teatro Libero.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.