16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Catania

Si parte il 26 aprile

Teatro, lo Stabile di Catania presenta la rassegna estiva itinerante

7 Aprile 2018

CATANIA – Uscire fuori dai luoghi chiusi per incontrare il pubblico, da vicino, e trasmettere l’amore per il teatro. Con la rassegna “Altrove 2018 – Visioni di teatro contemporaneo”, curata da Massimo Tamalio, lo Stabile di Catania punta ad una fruizione più diretta e propone cinque spettacoli, selezionati con precisi criteri, che andranno “in scena” in luoghi nevralgici della città.

Altrove 2018

Castello Ursino, le Ciminiere, la Chiesa di San Nicolo l’Arena e il Coro di notte all’interno del Monastero dei Benedettini.

Sui diktat di “qualità e contenuti”  il programma prevede due prime nazionali, di autori europei pluri-premiati, e tre titoli di autori siciliani; tutte produzioni dello Stabile.

Si parte il 26 aprile con “La rondine” di Guillem Clua per la regia di Francesco Randazzo, (traduzione di Martina Vannucci e adattamento di Pino Tierno); sul palco Lucia Sardo e Luigi Tabita.

A seguire (7-10 e 14-17 giugno) “L’ombra di Euridice” di Mario Giorgio La Rosa, al suo esordio nella drammaturgia, per la regia di Angelo D’Agosta. Nel cast Liliana Randi, Filippo Brazzaventre, Giovanna Mangiù, Amalia Borsellino, Costanza Paterno e lo stesso regista.

vincenzo-pirrotta
Vincenzo Pirrotta

E ancora “Storia di un oblio” di Laurent Mauvignier (19 giugno-1 luglio; Chiesa San Nicolo l’Arena) con la regia di Roberto Andò; sul palco Vincenzo Pirrotta che declinerà, nella traduzione di Yasmina Melaouah, il lungo monologo, scritto in un’unica frase, senza un vero inizio, senza una vera fine, senza punteggiatura.

Mafia Pride” di Salvo Giorgio, giornalista, scrittore e drammaturgo siciliano debutterà dopo la pausa estiva (13-16 e 20-23 settembre – Castello Ursino); regia di Giampaolo Romania, alla guida di sei giovani attori: Alice Canzonieri, Carla Cintolo, Leandra Gurrieri, Leila Lombardo, Milena Torrisi e Giuseppina Vivera.

Si chiude con “68 punto e basta“, ideato e diretto dal catanese Nicola Alberto Orofino, con Roberta Amato, Alessandra Barbagallo, Giorgia Boscarino, Daniele Bruno, Cosimo Coltrare, Egle Doria, Salvo Drago, Valeria La Bua, Silvio Laviano, Marcello Moltalto, Lucia Portale e Luana Toscano.

laura-sicignano
Laura Sicignano

La proposta estiva del Teatro Stabile – ha detto la neo direttrice Laura Sicignano ci mostra capaci di intercettare le più scottanti tematiche del dibattito contemporaneo, traducendo la cronaca in poesia. Chiese, monasteri, spazi industriali e castelli storici sono i teatri sacri e profani dove vanno in scena le paure e i desideri che attraversano la nostra società, dove passato e presente creano cortocircuiti di senso sorprendenti“.

Ulteriori informazioni con i dettagli dei luoghi e delle repliche sul sito del teatro.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.