Teatro, Marìka Pugliatti è genio e bestia nell'analisi del ruolo dell'attore :ilSicilia.it
Palermo

All'interno del Festival Teatro Bastardo

Teatro, Marìka Pugliatti è genio e bestia nell’analisi del ruolo dell’attore

di
9 Novembre 2018

La bestia senza anima che il nostro genio domina“: quasi un ritornello in cui si alterano, prima uno poi l’altro, la bestia che si nutre dell’essere in palcoscenico e la ratio dell’uomo che prova a dominarla.

Marìka Pugliatti

Un gioco a tratti impari o impossibile che ha visto Marìka Pugliatti, anche autrice, protagonista della pièce “SU-A (ovvero, Sull’Attore)“, spettacolo in rassegna al Festival Teatro Bastardo ospitato al Biondo,  sulla crisi dell’Attore, macchina-marionetta-bestia da lavoro.

Azione teatrale in quattro posizioni, (Sulla sedia, Al muro, Sul tavolo e Al buio) dove in un continuo monologo intimo e personale, in parte autobiografico, l’attrice si muove sicura, sperimentando il lavoro dell’attore nella dimensione esistenziale plurivoca.

Una via l’altra la Pugliatti è attrice/lavoratrice/marionette/Bestia in una perenne lotta per la sopravvivenza dai tratti bestiali, che in questa nuova rielaborazione assume toni ancora più cinici e crudi.

Un’attrice “marionetta”, sempre una donna, provocatoriamente una Bestia, che sotto le luci del palco mostra tutto di sé e della sua vita personale e professionale, sempre“ferocemente bestiale”, non c’è spazio per altro, solo per le manifestazioni di un’ossessione: il lavoro, che è finzione e vita senza più soluzione di continuità.

Le quattro posizioni possono lasciar pensare a figurazioni ormai classiche della disumanizzazione, dall’interrogatorio al campo di sterminio, dal tavolo operatorio alla reclusione, ma sono anche il luogo in cui la “vittima” ha ancora modo di raccontare di sé.

Marìka Pugliatti

Ammicca, sculetta, sciorina un vecchio repertorio che lascia trasparire una velata emozione. Per andare avanti è costretta a una completa autonomia, alla solitudine; mostra denti e unghie, lotta per sopravvivere, vendendosi in un frenetico atto di autopromozione. E dimenticandosi dei suoi poteri: libertà e creatività.

Efficace, infine, l’ultimo passaggio dello spettacolo in cui, dopo incursioni anche fisiche sul pubblico, la Pugliatti lo coinvolge ancora una volta con l’espediente della riflessione della luce per riproporre  il fatidico ritornello, ancora irrisolto, su “la bestia senza anima che il nostro genio domina“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.