Teatro, Mario Perrotta porta in scena la sua "Odissea" tra Itaca e il Salento | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Repliche fino al 13 gennaio

Teatro, Mario Perrotta porta in scena la sua “Odissea” tra Itaca e il Salento | VIDEO

di
9 Gennaio 2019

Guarda il video in alto 

La stagione del Teatro Biondo di Palermo, dopo la pausa natalizia, riprende con lo spettacolo “Odissea” di e con Mario Perrotta, collaborazione di Paola Roscioli, da giovedì 10 in sala Streheler (ore 21).

Dopo aver ricevuto il “Premio Hystrio” alla drammaturgia 2009 e ed essere stato finalista ai “Premi Ubu” 2008, “Odissea”, prodotto dal Teatro dell’Argine, è il racconto di un’epopea contemporanea, dove si mescolano il mito e il quotidiano, Itaca e il Salento, i versi di Omero e il dialetto leccese, legati insieme da una partitura musicale rigorosa, pensata ed eseguita in scena dai musicisti Mario Arcari (oboe, clarinetto, batteria) e Maurizio Pellizzari (chitarra, tromba), che accompagnano il narratore, Perrotta, diventando anch’essi, con i loro molteplici strumenti, voci della storia.

Perrotta

Parla cu’ mmie, Mùseca, cunta, de lu cristianu chinu de mmalizie, ca anni e anni prattecau lu mare, dopu ca tutta Troia ebbe squartata…

Perrotta ha allestito uno spettacolo che rivisita il mito, raccontandolo dal punto di vista del figlio di Ulisse, Telemaco, che ci parla dei nostri giorni con la disinvoltura e il fascino dell’avanspettacolo.

Questa sera mi affitto due musicisti, li porto nella piazza del paese e faccio il botto! Stasera succede un casino…“.

Così entra in scena Telemaco, dando il via al suo spettacolo d’arte varia. Non risparmia nulla a se stesso né agli altri: racconta, come sa e come può, la sua versione dei fatti.

E ogni sentimento si fa carne viva sulla scena e diventa corpo, parole in musica, versi sciolti e danza, odissea a brandelli di un ragazzo che non sa tenere insieme i cocci di una storia, quella di suo padre, che non sta più in piedi.

Per Telemaco il tempo dell’attesa è scaduto, è ora di fare spettacolo: lui è l’unico personaggio dell’Odissea che può costruire un’immagine di Ulisse calibrata a suo piacimento. I suoi pensieri, forse, sono l’unico luogo dove Ulisse può essere ancora un eroe.

Repliche fino al 13 gennaio; ulteriori informazioni sul sito del Teatro Biondo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.