19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37
Palermo

All'attivo più di 200 repliche

Teatro, Mario Perrotta rende attuale il rapporto padre figlio nella sua “Odissea” | Video Intervista

12 Gennaio 2019

Guarda la video intervista in alto 

Maestri buona sera, state comodi… ? Stasera vi racconto una storia, la mia storia, di cuore, di femmine sole, una storia di mare“.

Mario Pirrotta, entra in scena con questa battuta, vestendo i panni di Telemaco nello spettacolo, di cui è anche autore, “Odissea“, in scena al Teatro Biondo di Palermo (sala Strehler).

Apparentemente scanzonato, accento salentino, accompagnato, elemento fondamentale nella resa scenica, dalla musica dal vivo eseguita sul palco dai bravissimi Mario Arcari (per la prima volta nel cast artistico) e Maurizio Pellizzari, è Telemaco l’unico protagonista di questo racconto che, pur evocando nel titolo l’eroe omerico, accende i riflettori su di sé.

Perrotta ha costruito intorno a lui, con un testo in endecasillabi già premiato nel 2009 (Premio Hystrio alla drammaturgia), una caratterizzazione psicologica novecentesca: non è più il figlio dell’eroe in attesa estatica del padre, è un ragazzo di oggi molto arrabbiato per l’assenza del genitore.

Perrotta

Ma se non ci fosse stato il mare forse questa storia non sarebbe arrivata ai giorni nostri. È lui il contraltare di Telemaco, è lui che suggerisce limiti da oltrepassare o meno.

Scatta da una parte all’altra del palcoscenico Perrotta, sfruttando nella scenografia sgombra, i segni delle luce, corridoi immaginifici delle esperienze vissute da Telemaco. Unica costante nel racconto è l’assenza del padre che, appunto, non è per il giovane un eroe così come viene considerato da tutti gli altri.

Telemaco non ha ricordi di Odisseo ma ha una grande rabbia accentuata da quanto si ritrova intorno: una madre segregata in casa che, dal suo punto di vista, non vede la realtà delle cose; la gente del paese che non fa altro che schernirli e lui che, giorno dopo giorno, aumenta la sua lista dei “perchè” senza risposta.

Mario Perrotta da prova in questo spettacolo di grande capacità non solo come autore ma anche come attore: ogni parola, pensata e ben imbastita, sembra averla cucita addosso e legata, a doppio filo, alla gestualità e alla musica, riuscendo a coinvolgere cosi anche il pubblico.

La chiave della contemporaneità, poi, dell’argomento genitori-figli è l’espediente, assolutamente vincente, che conferma la potenza dei grandi classici di avere, sempre, spunti di riflessione da offrire.

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.