Teatro Massimo di Palermo: Francesco Giambrone confermato sovrintendente :ilSicilia.it

nonostante le polemiche le ministro Alberto Bonisoli

Teatro Massimo di Palermo: Francesco Giambrone confermato sovrintendente

di
16 Agosto 2019

Via libera alla nomina di Francesco Giambrone a sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo. Il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, ha firmato il decreto di nomina dopo che il Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Massimo di Palermo, mercoledì scorso, ha riconfermato all’unanimità nella sua carica il sovrintendente uscente Francesco Giambrone.

Bonisoli, il giorno precedente, aveva sollevato dubbi sull’opportunità di procedere a una sua riconferma, evidenziando in una lettera al sindaco Leoluca Orlando (presidente del Cdi – Consiglio di Indirizzo), che Francesco Giambrone è fratello del vicesindaco del capoluogo siciliano, Fabio Giambrone. Ma dopo il voto all’unanimità ha dato il proprio benestare.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.