Teatro Massimo di Palermo: si lavora alla stabilizzazione per 42 precari :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Teatro Massimo di Palermo: si lavora alla stabilizzazione per 42 precari

di
21 Luglio 2021

I sindacati della Fondazione Teatro Massimo di Palermo ieri sera hanno revocato la protesta indetta per “Il Trovatore” al Teatro di Verdura. E’ stato raggiunto un impegno con la Regione Siciliana per la stabilizzazione dei 42 precari del teatro. L’opera è iniziata regolarmente alle 21.15 e non con 30 minuti di ritardo, per come annunciato. La decisione di Fistel Cisl, Uilcom e Fials è giunta in seguito ad un incontro avvenuto ieri mattina in via telematica con la V commissione legislativa Cultura, Formazione e Lavoro dell’Ars, alla presenza del sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo Francesco Giambrone, del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e delle organizzazioni sindacali. La Regione ha preso un impegno per aumentare le risorse con un investimento sul personale per la stabilizzazione del corpo di ballo e dei precari della Fondazione.

“L’impegno preso prevede una riconsiderazione del riparto del Fondo Unico per lo Spettacolo destinato dalla regione alla Fondazione, con un incremento di finanziamenti dal 2022”, spiegano le tre sigle sindacali, che proseguono: “La direzione si è impegnata ad utilizzare queste risorse già dal 2022 per aumentare la platea dei beneficiari ed in particolare per dare più visibilità contrattuale al corpo di ballo. Se gli impegni non verranno mantenuti però si riprenderà la lotta”, concludono.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin