Teatro Massimo, esplode la protesta dei lavoratori: "La fondazione non ha dato risposte" :ilSicilia.it
Palermo

Tra un mese si riunisce il tavolo delle trattative

Teatro Massimo, esplode la protesta dei lavoratori: “La fondazione non ha dato risposte”

di
11 Novembre 2019

Battaglie sindacali unitarie per rivendicare i diritti ‘negati’ dalla Fondazione Teatro Massimo, che non ha dato risposte su precariato storico, trattenute in busta paga e contrattazione collettiva: potrebbe estendersi a macchia d’olio la protesta dei lavoratori di una delle istituzioni culturali più importanti della città.

Dopo lo sciopero proclamato dal Libersind Confsal in occasione del concerto di Péter Eötvös, con l’adesione di trentasei lavoratori, sono circolate voci di spaccature tra le organizzazioni dei lavoratori. Adesso la Fials Cisal, con il tenore Antonio Barbagallo, invita tutte le organizzazioni dei lavoratori alla condivisione d’intenti: “La protesta deve essere indirizzata contro la fondazione, il resto è secondario – afferma il sindacalista – Le questioni in ballo sono tante e tutte delicate“.

Insomma, un’esortazione all’unità di tutti i lavoratori. Nel frattempo prosegue il confronto al tavolo delle trattative con la Fondazione. Le organizzazioni dei lavoratori attendono risposte entro un mese. La ‘fumata nera’ potrebbe dare la stura a forme di protesta ancor più partecipate di quelle passate: “A quel punto – conferma Barbagallo – ‘liberi tutti’, non potremmo mai prendere in giro i nostri iscritti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.