Teatro Massimo: il ritorno de "Le nozze di Figaro" con la regia di Chiara Muti | VIDEO e FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Dal 18 al 26 maggio

Teatro Massimo: il ritorno de “Le nozze di Figaro” con la regia di Chiara Muti | VIDEO e FOTOGALLERY

di
15 Maggio 2018

Dopo 18 anni torna in scena al Teatro Massimo di Palermo il capolavoro di Wolfgang Amadeus MozartLe nozze di Figaro” frutto di una coproduzione tutta made in Sud, che vede coinvolti il Teatro Petruzzelli di Bari e il San Carlo di Napoli.

L’Opera, la prima che il genio austriaco scrisse in italiano con il librettista Lorenzo Da Ponte, su testo di Beahmarchaisdebutterà venerdì 18 maggio con repliche fino al 26.

Le nozze di Figaro” è un’opera buffa in quattro atti andata in scena la prima volta nel 1786, dopo aver superato ostacoli e intrighi orditi dalla corte asburgica; la stessa censura non impedì che si arrivasse in breve tempo al successo sui palcoscenici di Vienna e Praga.

chiara-muti

A dirigere l’orchestra e il coro del Teatro Massimo sarà il direttore musicale Gabriele Ferro, alla regia Chiara Muti; Ezio Antonelli ha realizzato le scene, Alessandro Lai i costumi e Vincent Longuemare il progetto luci.

Questo capolavoro ha un testo unico – ha detto Chiara Mutie ho cercato di ricreare l’impatto che lo stesso ebbe sugli spettatori dell’epoca, per la sua modernità, fondata sulla considerazione che ogni uomo nasce libero. Fulcro in scena sarà una pedana centrale in continuo movimento, metafora, insieme alle scale, dei cambiamenti sociali che si andranno a realizzare“.

Tutta l’opera si configura come un dialogo tra desiderio e amore, presenti in scena fin dal principio e declinati in tutte le forme possibili. “Le nozze di Figaro” disegnano l’uomo per quello che è, con vizi e virtù: la miseria della natura umana e allo stesso tempo la grandezza che l’uomo ha nel far fronte al proprio destino e nel perdonarsi, nonostante tutto.

In scena ci saranno: Simone Alberghini (Conte d’Almaviva), Mariangela Sicilia (contessa d’Almaviva); la coppia Susanna-Figaro è interpretata da Maria Mdryak e Alessandro Luongo e nel ruolo en travesti di Cherubino vi è Paola Gardina. Completano il cast: Laura Cherici (Marcellina), Emanuele Cordaro (Don Bartolo), Bruno Lazzaretti (Don Basilio), Giorgio Trucco (Don Curzio), Daniela Cappiello (Barbarina) e Matteo Peirone (Antonio); Orchestra e Coro del Teatro Massimo, Maestro del Coro Piero Monti, Maestro al fortepiano Giacomo Gati.

Sulla scia degli insegnamenti del suo maestro Giorgio Strehler, a cui tiene fede, la regista ha voluto mantenere l’impronta originale dell’Opera che ha definito “una macchina teatrale perfetta“.

GUARDA LA FOTOGALLERY DELLE PROVE IN ALTO e IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE CON GLI ARTISTI

 

  • Foto di scena di Rosellina Garbo.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin