22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11
Palermo

Sul palco del Teatro Biondo

Teatro: “Milite Ignoto – quindicidiciotto”, una babele di dialetti per raccontare la guerra | VIDEO

19 Marzo 2018

Raccontare le piccole storie per non dimenticare la grande storia. E’ quello che farà Mario Perrotta, autore e interprete dello spettacolo “Milite Ignoto – quindicidiciotto“, al debutto sul palco del Teatro Biondo (sala Strehler), martedì 20 (ore 21).

Perrotta, considerato uno dei massimi interpreti del teatro-narrazione, racconta la tragedia della Prima Guerra Mondiale come il primo, vero momento di unità nazionale. È infatti nelle trincee di sangue e fango che gli “italiani” si sono conosciuti e ritrovati vicini per la prima volta: veneti e sardi, piemontesi e siciliani, pugliesi e lombardi accomunati dalla paura e dallo spaesamento per quell’evento più grande di loro.

Spaesamento acuito dalla babele di dialetti che risuonavano in quelle trincee.

Perrotta

Per questo – spiega Perrotta – ho immaginato tutti i dialetti italiani uniti e mescolati in una lingua d’invenzione, una lingua che si facesse carne viva. Ho provato a cucire insieme, nella stessa frase, quanti più dialetti potevo, cercando le parole che consentissero passaggi morbidi o fratture violente”.

Ne è venuta fuori una lingua nuova che ha regalato allo spettacolo un suono sconosciuto ma poggiato sulle viscere profonde del nostro Paese.

Inserito tra gli eventi del programma ufficiale per le commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale, lo spettacolo è tratto da Avanti sempre di Nicola Maranesi e da La Grande Guerra, i diari raccontano, il progetto realizzato da Pier Vittorio Buffa e Nicola Maranesi per il Gruppo editoriale L’Espresso e l’Archivio Diaristico Nazionale.

Repliche mercoledì 21 alle 21 e giovedì 22 alle 17.30.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.