Teatro: Ninni Bruschetta apre l'anteprima della rassegna "Scena Nostra" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

5 spettacoli in programma

Teatro: Ninni Bruschetta apre l’anteprima della rassegna “Scena Nostra” | FOTO

7 Novembre 2019
Ninni Bruschetta

Guarda le foto in alto 

Allo Spazio Franco, dal 14 novembre, prenderà il via un’anteprima della rassegna Scena Nostra che, da gennaio 2020, punterà sulla ricerca e sulla creazione contemporanea nelle produzioni teatrali.

Sul palcoscenico dei Cantieri Culturali alla Zisa si alterneranno 5 spettacoli: apripista sarà “Il mio nome è Caino“, testo di Claudio Fava con Ninni Bruschetta, per la regia di Laura Giacobbe.

Prodotto da Nutrimenti Terrestri, dopo il debutto al Teatro Savio di Messina nel marzo scorso e la presentazione alle ultime Orestiadi di Gibellina, debutterà allo Spazio Franco giovedì 14 ore 21, con repliche venerdì 15 e sabato 16.

Tratto dall’omonimo romanzo l’adattamento teatrale è, nelle parole di Ninni Bruschetta, “un monologo con i connotati di un western” che offre allo spettatore il punto di vista del killer, portando alla luce un quadro torbido e, allo stesso tempo, lucido dell’essere mafioso.

La drammaturgia percorre i pensieri intimi dell’uomo di mafia, “testimone e vittima della furibonda guerra di mafia siciliana”, carnefice e prigioniero di uno scenario tutt’altro che semplice da descrivere, da raccontare e da rivivere.

Al testo si intreccia la musica, composta e eseguita dal vivo da Cettina Donato, pianista, compositrice e direttore d’orchestra: i brani, editi e inediti, contaminati da note classiche, popolari e jazz, sono il frutto di una collaborazione molto intensa tra la Donato e l’attore messinese, concepite per sostenere il racconto di Caino e l’alterata e controversa emotività del personaggio.

La partitura mista di quest’opera teatrale lascia che lo spettatore entri in uno spazio intimo caratterizzato dalla sospensione di giudizio e dal paradosso.

Scena Nostra è una scelta artistica, culturale e politica molto netta, tesa ad affermare Spazio Franco come centro indipendente per la ricerca e la creazione contemporanea.

Gli altri appuntamenti in programma sono: l‘1 dicembre, ore 11,30 al Castello della Zisa, “U pappaiaddu ca cunta 3 cunti” dal testo di Giuseppe Pitrè, di e con Giuseppe Provinzano; il 5, 6 e 7 dicembre, ore 21, allo Spazio Franco sarà la volta di Dario Muratore con “Tripolis“. Mercoledì 11 e giovedì 12, ore 21, “Studio per contrabbasso” tratto dal Contrabbasso di  Suskind, di e con Giuseppe Sangiorgi; chiuderà lo spettacolo “Volver“, vincitore della scorsa edizione del Premio Migrarti, scritto e diretto da Giuseppe Provinzano con la Compagnia dei Migranti del Progetto Amunì.

Dal 2020 Scena Nostra proporrà una nuova stagione ‘aperta’, un focus che si rinnova, dando spazio a scritture e nuovi linguaggi, artisti e affermati esponenti, restando in ascolto delle necessità di creazione prima che di quelle di programmazione.

Resterà la formula del “fuori programma” che arricchirà la stagione del cartellone, sottolineando  l’idea di identificarsi come un laboratorio per la creazione contemporanea unico nel suo genere in Sicilia.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.