17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

l'8 e il 9 febbraio

Teatro Patafisico: doppio appuntamento con l’ironia contagiosa di Ivan Talarico | VIDEO

7 febbraio 2019

Guarda il video in alto 

Si intitola “Autobiografia del mio amico immaginario” lo show, spettacolo-concerto, che vedrà protagonista Ivan Talarico sul palco del Piccolo Teatro Patafisico (via Gaetano La Loggia), venerdì 8 e sabato 9 (ore 21, biglietto 7 euro).

A volte è difficile mettersi nei panni degli altri, ma spesso è complicato anche essere sé stessi; l’unica possibilità, quindi, è vivere altrove, lontano dagli altri e lontano da noi.

Ivan Talarico, accompagnato dall’inseparabile chitarra, ci condurrà nel mondo del suo amico immaginario, dove tutto è possibile e impossibile, dove tutto sembra normale ma non sempre lo è.

Tra brevi discorsi e canzoni, Ivan non parla mai di se stesso e della sua vita, ma parla sempre tra sé e sé. Per ascoltarlo bisogna stare vicini a lui. Per capirlo bisogna stare vicini a noi.

Cantautore, poeta, teatrante, ha già all’attivo due libri di poesie. Ospite al Premio Tenco, vincitore per il miglior testo a Musicultura 2015, ha scritto e interpretato cinque spettacoli teatrali con la sua compagnia “DoppioSenso Unico”, girando l’Italia.

Il suo ultimo concerto “Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro” ha debuttato a gennaio al Teatro Vascello registrando un sold out; nel tempo libero “scioglie ghiacciai a scopo ludico“.

La presenza di Talarico includerà, nel weekend, anche un workshop di scrittura creativa, all’interno del quale si “scriverà con strumenti e nuovi scenari“.

Il corso si svolge al Piccolo teatro Patafisico ed è strutturato in undici ore complessive (venerdì 8 febbraio dalle 14 alle 19;  sabato 9 febbraio dalle 10 alle 16, per un minimo di 5 partecipanti e un massimo di 15, costo 70 euro).

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.