19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37
Palermo

Con Rinaldo Alessandrini e Sandrine Piau

Teatro Politeama, l’omaggio a Mozart dell’Orchestra Sinfonica Siciliana | VIDEO

10 Gennaio 2019

Guarda il video in alto 

Torna la stagione concertistica dell’Orchestra Sinfonica Siciliana che vedrà sul palcoscenico del Teatro Politeama, venerdì 11 alle 21, il direttore Rinaldo Alessandrini, alla guida dell’Orchestra, con il soprano Sandrine Piau.

Piau
Sandrine Piau

Il programma è dedicato tutto alla “divinità della Musica“: Mozart.

Quest’anno la scelta è caduta su un direttore italiano noto nel mondo per la sua specializzazione tra il Barocco e il Settecento, da Monteverdi a Vivaldi, a Mozart, e su una cantante francese di eccezionale stile e talento nello stesso repertorio.

L’accento del programma è tutto italiano, ma si conclude con una delle più felici sinfonie di Mozart, dedicata al suo amico salisburghese Siegmund Haffner.

Ecco il dettaglio delle esecuzioni musicali: dalle Nozze di Figaro, Ouverture KV 492 (Presto) Recitativo e aria di Susanna “Giunse alfin il momento – Deh, vieni, non tardar, o gioia bella”; recitativo e aria della Contessa “E Susanna non vien! – Dove sono i bei momenti”.

Dal Lucio Silla, Ouverture KV 135 (Molto allegro-Andante-Molto allegro) Recitativo e aria di Giunia  “Sposo… mia vita…ah, devo – Fra i pensieri più funesti di morte”; da Il Re pastore, Ouverture KV 208 (Molto Allegro); Aria di Aminta “L’amerò, sarò costante” Sinfonia “Haffner” n. 35 in re magg. KV 385 (Allegro con spirito Andante, Menuetto, Finale (Presto).

Dal Don Giovanni Aria e recitativo di Donna Anna: “Crudele? Ah, no, mio bene! – Non mi dir, bell’idol mio”.

Rinaldo Alessandrini
Rinaldo Alessandrini

Rinaldo Alessandrini, clavicembalista, organista e pianista, è uno dei maggiori esponenti della musica antica sulla scena internazionale; nel 2002 ha ricevuto, con il Concerto Italiano, il Premio Abbiati per la sua attività.

Sandrine Piau, nata in Francia si è formata come arpista e poi ha studiato canto al Collège Lamartine e al Conservatoire National Supérieur de Musique du Paris. È conosciuta soprattutto per i suoi ruoli nell’opera barocca, avendo lavorato con William Christie al Festival di Aix-en-Provence. Ha collaborato con molti dei principali direttori europei del revival barocco, tra cui Marc Minkowski , Philippe Herreweghe , Paul McCreesh , Alan Curtis , Christophe Rousset , René Jacobs e Fabio Biondi.

Nel 2006 è stata nominata Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere dal governo francese.

Il concerto replicherà sabato 12 gennaio alle 17,30; ulteriori informazioni sul sito della Fondazione.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.