Tecnis, dal Mise nuovo stop: i cantieri di mezza Sicilia bloccati :ilSicilia.it
Palermo

l'ira dei sindacati

Tecnis, dal Mise nuovo stop: i cantieri di mezza Sicilia bloccati

di
17 Aprile 2019

“Invece del via libera dal Mise sulla vendita della Tecnis a Pessina è stata di fatto riaperta la procedura. Ci aspettavamo oggi un passo avanti, ne sono stati fatti due indietro”. Così Feneal Filca e Fillea commentano la decisione assunta oggi 17 aprile nella sede del ministero dello Sviluppo economico, in cui si è discusso del futuro dell’azienda e dei lavoratori.

Dopo il presidio in mattinata con i lavoratori davanti alla Prefettura di via Cavour, e dopo un incontro con i funzionari della Prefettura, i sindacati degli edili aspettavano notizie confortanti da Roma sulla ripresa del percorso di cessione a Pessina, interrotto dal Mise per accertamenti sulla procedura.

Invece – dicono Ignazio Baudo, per la Feneal Uil Palermo, Francesco Danese, segretario territoriale Filca Cisl Palermo Trapani e Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo – il ministero dello Sviluppo economico  ha detto che gli accertamenti erano necessari e che la partita non si chiude con l’aggiudicazione a Pessina e nemmeno, come si immaginava, con l’aggiudicazione alla seconda impresa in gara, la D’Agostino”.

La procedura – concludono – verrà riaperta con tutti i soggetti che avevano manifestato interesse alla vendita che così rientrano tutti quanti in gioco”.

 

LEGGI ANCHE:

Tecnis, domani vertice al Mise: da Palermo parte la protesta nazionale

Crisi Tecnis: un fondo arabo vuole il porto di Giardini Naxos

Doccia fredda per Tecnis: cantieri di mezza Sicilia a rischio incompiuta

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.