Tempo libero, Palermo in fondo alla classifica. Gelarda (Lega): "Ennesimo smacco per la città" :ilSicilia.it
Palermo

"FARE SPORT A PALERMO E' PRATICAMENTE IMPOSSIBILE"

Tempo libero, Palermo in fondo alla classifica. Gelarda (Lega): “Ennesimo smacco per la città”

20 Agosto 2019

Tutte le volte che le favole raccontate dal sindaco Orlando sulla città di Palermo si scontrano con la realtà dei fatti e dei numeri il sindaco della Primavera di Palermo subisce smacchi“. A dirlo è Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Palermo, riferendosi alla classifica del Sole 24 Ore sull’indice del tempo libero, dove Palermo si classifica al settantottesimo posto nella classifica delle province italiane.

La cosa grave è che – continua l’esponente del Carroccio – questa classifica si riferisce anche ad un periodo in cui Palermo era capitale della cultura e di “Manifesta”, l’evento costato tanti milioni di euro ai cittadini palermitani e del quale nessuno più si ricorda. Siamo poi appena sessantaduesimi in questa classifica come densità turistica e, vergogna tra le vergogne, al 103esimo posto per quanto riguarda lo sport“.

Il capogruppo della Lega entra duro sui pochi spazi sportivi presenti in città: “Fare sport a Palermo è praticamente impossibile. L’ennesimo bluff di questa amministrazione che non ha portato nulla di positivo per i cittadini. Lo dice Il Sole 24 Ore Non lo dicono i politici della Lega. Parole, tagli di nastro e dichiarazioni roboanti cui non segue nulla. La cosa grave è che questo non è che il triste preludio della Palermo che ci lascerà in eredità, purtroppo tra 3 anni ancora, il sindaco Orlando. Vediamo adesso come il sindaco giustificherà questo ennesimo posto in fondo alle classifiche della città, se riuscirà a trovare un colpevole o forse finalmente ad amettere qualche responsabilità sua e della sua amministrazione“.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona