Tennis: Jil Teichmann è la regina del "Palermo Ladies Open" :ilSicilia.it
Palermo

L'ELVETICA TRIONFA NEL CAPOLUOGO SICILIANO

Tennis: Jil Teichmann è la regina del “Palermo Ladies Open”

di
29 Luglio 2019

Jil Teichmann trionfa nella 30 ª edizione delPalermo Ladies Open“, torneo internazionale del circolo ATP.

La tennista elvetica, in tabellone come testa di serie n. 8, è riuscita a battere la più quotata Kiki Bertens, testa di serie n. 1 del torneo e n. 5 assoluta al mondo. “Kiki è una top player, era chiaro fosse difficile – racconta la Teichmann in conferenza stampa – ma sono contentissima, sono riuscita ad avere grinta e a leggere bene i momenti chiave del match”.

La Teichmann è stata incisiva nei momenti chiave della partita, in particolare quando nel secondo set è stata capace di annullare due palle break e di togliere il servizio a zero per ben due volte alla Bertens: “Ci ho creduto, sin dall’inizio – prosegue – e del resto se non ci avessi creduto non sarei nemmeno entrata in campo”.

Per la Teichmann, al secondo trionfo nel giro di tre mesi dopo il Wta di Praga, arriva il best ranking guadagnando 28 posizioni e salendo al n. 54 della classifica mondiale: “Adesso voglio entrare nei top 50, penso che si debba sempre migliorare” aggiunge. “Mi piace il cemento, ci gioco bene. Continuo a lavorare molto, non vedo l’ora inizi. Adesso andrò a Cincinnati, poi Bronx e Us Open”.

La chiosa finale della vincitrice è per il pubblico palermitano: “Volevo ringraziare il supporto della gente”, conclude la Teichmann. “I palermitani mi hanno fatto sentire tutto il loro calore, è stato importante per me”.

Tanta amarezza, invece, per la Bertens, partita con tutti i favori del pronostico. La tennista olandese, in conferenza stampa, ha tracciato un bilancio del torneo palermitano: “Naturalmente mi dispiace aver perso la finale ma è andata così. Jil è stata più brava di me questa sera. Non ero nervosa per il vento, c’era anche per lei: le condizioni erano uguali per entrambe. Non riuscivo ad esprimere il mio solito tennis e questo mi ha creato un po’ di tensione. Se il modo di giocare di Jil mi ha sorpreso? No, assolutamente. La conosco molto bene e sapevo che avrebbe cercato in tutti i modi di mettermi in difficoltà, anche con i suoi continui recuperi. Adesso vado avanti, senza guardare la classifica”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.