Tensione al Comune di Piana degli Albanesi: "Il sindaco si dimetta" :ilSicilia.it
Palermo

Lo dice Pino Apprendi

Tensione al Comune di Piana degli Albanesi: “Il sindaco si dimetta”

di
6 Dicembre 2019

Incredibile atto di sfiducia al sindaco di Piana degli Albanesi, Rosario Petta, dal gruppo consiliare di maggioranza “Piana Riparte“, astenutosi durante la votazione del rendiconto finanziario del 2018, propedeutico per l’approvazione del bilancio di previsione del 2020.

Il gruppo che sosteneva il sindaco, in Commissione aveva votato favorevolmente il rendiconto, malgrado il parere negativo del Collegio dei Revisori dei Conti. “I consiglieri di maggioranza, forse, in queste giornate hanno maturato la stessa nostra convinzione,  che fosse giunta l’ora di “consigliare” al sindaco di fare un gesto d’amore verso Piana, cioè di dimettersi“. 

ApprendiLo dice Pino Apprendi, consigliere comunale del gruppo consiliare “Diritto al Futuro”.

“Forse – prosegue Apprendi – hanno maturato che il progetto “PianaRiparte” è fallito miseramente, due anni e mezzo buttati al vento. A meno che non è  un “progetto” del sindaco, quello di pensare di azzerare il Consiglio Comunale per fare qualcosa  che ad oggi non ha potuto o saputo fare. Io non penso che i consiglieri, che considero persone serie, si siano prestate  a questo gioco infame, che tradisce l’elettorato. Nemmeno penso che il sindaco, che ha giurato sulla Costituzione e che dovrebbe avere un alto senso dello Stato abbia voglia di fare l’uomo solo al Comando, nel giorno in cui viene abbandonato dal suo uomo di punta, l’assessore al bilancio, che aveva invocato un miracolo per far sì che Piana si salvasse dai debiti. Io non credo a questa seconda ipotesi, perché un sindaco che vuole rappresentare gli interessi di una comunità e non quelli politici  propri non si comporterebbe così”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.