Tensione nell'Agrigentino: migranti fuggono da nave quarantena e centro accoglienza :ilSicilia.it
Agrigento

Il fatto

Tensione nell’Agrigentino: migranti fuggono da nave quarantena e centro accoglienza

di
10 Novembre 2020

Quattro migranti sono riusciti ad allontanarsi dal centro d’accoglienza Villa Sikania a Siculiana (Ag) dove erano alloggiati.

Momenti concitati all’ingresso del paese dove sono in corso le ricerche da parte della polizia. Un gruppetto di ospiti ha creato qualche disordine e, all’improvviso, quattro sono riusciti ad uscire dalla struttura facendo perdere le proprie tracce.

Un altro fatto simile si è verificato nuovamente nella cittadina di Agrigento. Sbarcano dalla nave quarantena Rhapsody, dove hanno ultimato la sorveglianza sanitaria anti-Covid, e si riversano per le strade di Porto Empedocle (Ag) da dove nella tarda serata di ieri raggiungono la stazione ferroviaria di Agrigento Bassa. Si tratta di un gruppo di 31 migranti che entro 5 giorni dovranno lasciare l’Italia.

La Rhapsody è rimasta in rada di Porto Empedocle da dove nei prossimi giorni dovrà far sbarcare altri ospiti che hanno ultimato l’isolamento.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin