26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Messina

La nota di CapitaleMessina

Tensioni a Messina: “De Luca eviti di giocare sulla pelle della città”

31 Agosto 2018

Documento di CapitaleMessina a firma di Gianfranco Salmeri:

Gianfranco Salmeri
Gianfranco Salmeri

“In realtà non abbiamo ben compreso le intime ragioni del conflitto che si è innescato tra il Sindaco ed il Consiglio comunale, a proposito della istituzione dell’Agenzia per il Risanamento; e non vogliamo entrare neanche nel merito.

Ma una cosa abbiamo compreso, da questo braccio di ferro, chi rischia di pagarne le spese è la città. Si abbassino i toni, la posta in gioca è troppo alta, la battaglia per l’eliminazione della atavica vergogna delle baracche, alla quale De Luca ha indubbiamente impresso una spinta precisa e decisa, da Deputato prima e da Sindaco adesso, necessita del concorso di tutti.

Il Consiglio comunale, eviti la tentazione di manovre ostruzionistiche, si rifuggano istinti di rivalsa, e soprattutto non si creino alibi politici all’Amministrazione.

Dall’altro lato il Sindaco porti avanti il suo progetto: si comprende la fretta di voler fare, e la condividiamo, ma le prerogative del Consiglio comunale vanno comunque rispettate.

capitalemessinaMa soprattutto sfugga De Luca alla tentazione di voler capitalizzare il consenso che vede crescere attorno alla propria azione amministrativa, puntando ad elezioni anticipate. La città non può permettersi un periodo di crisi amministrativa, un’ulteriore fase di commissariamento.

Ci auguriamo, invece, che si decida di lavorare finalmente per un obiettivo che è di tutti, evitando di anteporre le proprie ragioni al benessere collettivo”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.