23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Agrigento

L'episodio è avvenuto a Sciacca

Tenta di stuprare due ragazze fingendosi poliziotto

13 Giugno 2018

Un romeno di 39 anni, V. B., è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di tentata violenza sessuale nei confronti di due ragazze siciliane di 18 e 19 anni.

Le vittime hanno raccontato di essere state avvicinate, intorno alle tre di notte su una spiaggia di Sciacca (Agrigento), da un uomo dall’accento straniero, con una torcia in mano, che dopo avere finto di essere un appartenente alle forze dell’ordine avrebbe cercato di abusare di una di loro.

Solo il deciso intervento dell’altra ragazza, che ha cercato in tutti i modi di liberare l’amica, ha convinto l’aggressore a desistere. Di fronte a questa veemente reazione l’uomo è stato costretto ad allontanarsi, non prima di avere colpito con un calcio al viso una delle due giovani.

Grazie alle indicazioni fornite dalle vittime, che hanno subito dato l’allarme con una telefonata al 112, i carabinieri hanno concentrato i loro sospetti sul cittadino romeno che abita in una casa diroccata non lontano dal luogo dove era avvenuta l’aggressione. L’uomo è stato portato in caserma e dopo alcune ore di interrogatorio ha ammesso le proprie responsabilità.

I militari lo hanno posto in stato di fermo con l’accusa di tentata violenza sessuale e lesioni personali.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.