Tentato omicidio a Ramacca, 32enne picchiato selvaggiamente per aver insultato gli assistenti sociali: due i fermi :ilSicilia.it
Catania

IL FATTO

Tentato omicidio a Ramacca, 32enne picchiato selvaggiamente per aver insultato gli assistenti sociali: due i fermi

di
28 Gennaio 2022

Avrebbe picchiato selvaggiamente un 32enne, che per le lesioni riportate ha dovuto subire l’asportazione chirurgica della milza, perché avrebbe ‘offeso e denigrato’ pubblicamente gli assistenti sociali, categoria della quale farebbe parte anche la sua fidanzata. E’ l’accusa contestata dalla Procura di Caltagirone a un 37enne che è stato fermato per tentativo di omicidio da carabinieri della stazione di Ramacca coadiuvati dai colleghi del nucleo operativo della Compagnia di Palagonia. Lo stesso provvedimento è stato eseguito nei confronti di un 27enne che era con lui, il 13 gennaio scorso in via Giusti nel centro di Ramacca, centro agricolo del Catanese, dove è avvenuta l’aggressione. In sede di convalida il Gip ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 37enne e disposto gli arresti domiciliari per il 27enne.

Una svolta alle indagini, ricostruisce in una nota la Procura di Caltagirone, è arrivata dalla visione delle registrazioni fatte da telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso l’aggressione. La vittima sarebbe stata colpita dal 37enne con una serie di violenti pugni e calci e avrebbe subito anche un tentativo di strangolamento con una sciarpa. Il 27enne avrebbe allontanato con degli spintoni una persona che cercava di porre fine alle violenze e di soccorre il malcapitato. I due erano stati fermati dai carabinieri dopo l’episodio: il 27enne nella villa comunale, il 37enne a casa, dove militari dell’Arma hanno trovato gli abiti che indossava al momento dell’aggressione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.