Terapia Covid sperimentale all'Ospedale di Acireale: "Risultati promettenti con Baricitinib e Remdesivir" :ilSicilia.it
Catania

l'annuncio dell' asp di catania

Terapia Covid sperimentale all’Ospedale di Acireale: “Risultati promettenti con Baricitinib e Remdesivir”

di
23 Febbraio 2021

Sono promettenti i risultati della terapia sperimentale contro il Covid-19 utilizzata presso la Terapia Intensiva dell’Ospedale di Acireale“. Lo rende noto l‘Asp di Catania, sottolineando in una nota che “si tratta di un trattamento off label che combina l’uso dell’antinfiammatorio Baricitinib e dell’antivirale Remdesivir“.

“Sono 20 i pazienti ai quali abbiamo somministrato questa combinazione di farmaci – spiega il direttore dell’Unita’ di Anestesia e Rianimazione di Acireale, Giuseppe Rapisarda -. Abbiamo iniziato lo scorso 8 dicembre e sino ad oggi abbiamo potuto osservare risultati positivi, confermati dai controlli radiografici. Siamo riusciti, anche, ad evitare intubazioni”.

Dai dati raccolti dall’equipe dell’Unita’ di Anestesia e Rianimazione acese emerge che la nuova terapia favorisca migliori tempo di recupero e riduca il rischio di intubazione per i pazienti sottoposti a ventilazione non invasiva. Ridotti anche la degenza media e l’indice di mortalita’.

“Sono risultati incoraggianti che presto saranno presentati alla comunita’ scientifica“, fanno sapere dall’Azienda sanitaria.
“La combinazione dei due farmaci e’ stata discussa su diverse riviste scientifiche – spiega ancora Rapisarda -. Dopo averne approfondito la conoscenza abbiamo attivato, presso la Direzione Sanitaria Aziendale, la procedura di autorizzazione al suo utilizzo”.

Sono 20 i pazienti ad essere stati trattati con questa associazione di farmaci che ha permesso a 5 di loro, con ventilazione non invasiva, di essere trasferiti in Riabilitazione dopo una degenza media di circa 10 giorni. Dei 15 pazienti sottoposti a ventilazione meccanica invasiva, invece, 11 sono stati estubati dopo 12 giorni (6 dei quali sono stati trasferiti in Riabilitazione), e 1 e’ ancora in trattamento. Tre i decessi verificatisi per complicanze dovute a patologie pregresse o croniche.

“Apprezzamento e gratitudine a tutti gli operatori per l’encomiabile lavoro che li vede in prima linea”, e’ stato espresso dalla Direzione Aziendale dell’Asp di Catania, guidata da Maurizio Lanza.

“La sicurezza delle cure e’ e rimane il nostro obiettivo prioritario – afferma il direttore sanitario dell’Azienda catanese, Antonino Rapisarda -. Seguiamo con attenzione gli sviluppi in campo farmacologico e non lesiniamo energie per la vaccinazione. Come sempre ribadisco l’appello a mantenere alta la guardia, rispettando tre semplici regole: utilizzare la mascherina, mantenere le distanze interpersonali, igienizzare spesso le mani”.

Attualmente sono 4 i pazienti ricoverati presso la Terapia Intensiva del nosocomio acese.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin