Terapie intensive, asintomatici e recidivi: a Bar Sicilia tutto quello che non avete mai visto sul Covid | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 125

Terapie intensive, asintomatici e recidivi: a Bar Sicilia tutto quello che non avete mai visto sul Covid | VIDEO

di
4 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Una puntata esclusiva la numero 125 di Bar Sicilia, con il direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e il direttore editoriale Maurizio Scaglione ospiti all’Arnas Civico di Palermo per parlare di Coronavirus. Padroni di casa, il direttore dell’Uoc di Medicina Interna, il professor Salvatore Corrao, e il primario facente funzioni del reparto di Anestesia Vincenzo Mazzarese.

Roberto Colletti

Una puntata in cui Bar Sicilia vi racconta tutto quello che bisogna sapere sui pazienti che hanno contratto il coronavirus, da quelli più gravi, per cui è necessario il ricorso alla terapia intensiva o sub intensiva – per cui si siamo avvalsi della preziosa collaborazione di Elisa Bruscia -, agli asintomatici ‘portatori sani’ che senza le giuste misure precauzionali potrebbero rischiare di diffondere il virus, fino alla possibilità di contrarre una seconda volta il Covid-19. Inoltre, con le nostre telecamere, vi facciamo vedere come si preparano le donne e gli uomini del personale sanitario che devono confrontarsi con il Covid tutti i giorni, la vestizione e i reparti. E per capire quali sono le esigenze e le strumentazioni di cui ha bisogno una struttura ospedaliera, vi facciamo ascoltare quello che dice Roberto Colletti, direttore generale dell’Arnas Civico.

Salvatore Corrao

Insomma, tanta carne al fuoco per un argomento è di grande attualità. In Sicilia i contagi nelle ultime settimane hanno registrato un incremento dei casi esponenziale. Ma quali sono le proiezioni? “I dati aumentano sin dal mese di agosto in modo graduale, facendoci pensare a diverse centinaia di pazienti ricoverati tra il mese di ottobre e la prima parte del mese di novembre – ha affermato il professore CorraoE’ ovvio che sistema ormai è in grado di gestire meglio la situazione rispetto alla precedente tornata. Ci auguriamo che anche gli organi di governo siano in grado di resettare un po’ tutto il territorio dal punto di vista dell’ospedalizzazione“.

Vincenzo Mazzarese

Un’ospedalizzazione che, come sappiamo, nei casi più gravi può arrivare al ricovero in terapia intensiva. Il dottor Mazzarese ci ha spiegato qual il percorso diagnostico che porta alla decisione di un ricovero di questo tipo: “L’assistenza al paziente covid-19  è organizzata in base alla sintomatologia, che deve trovare il suo setting assistenziale – afferma Mazzarese –, quindi il paziente paucisintomatico probabilmente verrà ricoverato in un reparto di malattie infettive, oppure in un reparto di medicina interna; il paziente con una sintomatologia più importante potrà essere sempre gestito da un  reparto di medicina interna o da una pneumologia. Poi ci sono i pazienti che diventano davvero critici: a quel punto entriamo nell’area delle terapie sub-intensive o terapia intensiva”.

Un virus dalla natura subdola: diversi rischi possono arrivare dai pazienti asintomatici, coloro che non avendo sintomi possono inconsapevolmente veicolare il virus: “E’ logico – spiega Corrao – che se un bambino o un giovane, che non sanno di avere il virus, vanno a casa dei nonni, che con la loro età sono sicuramente portatori di patologie croniche, possono aggravare la prognosi della patologia covid-19“.

Una battuta anche sulle difficoltà che devono affrontare i parenti dei pazienti più gravi, che si trovano a non poter stare a contatto con i loro cari: “Chi dovesse avere un parente con covid-19 in terapia intensiva – ha spiegato Mazarese – deve avere pazienza e affidarsi alle cure di noi medici, che insieme al personale infermieristico ce la mettiamo tutta per salvare la vita a queste persone“. Quando le condizioni miglioreranno e sarà possibile comunicare con loro, anche se a distanza, si potrà fare uso dei mezzi informatici, come per esempio le videochiamate.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin