Terapie intensive: M5S, Pd e Fava vogliono la rimozione di Razza :ilSicilia.it

LA SFIDUCIA ALL'ASSESSORE RAZZA

Terapie intensive: M5S, Pd e Fava vogliono la rimozione di Razza

di
23 Novembre 2020

“Dall’assessore Razza c’è stato un atto di assoluta irresponsabilità. La Sicilia è diventata arancione per il mancato rispetto dei 21 parametri previsti da un decreto varato sette mesi fa. Quindi non si capisce il finto stupore del presidente Musumeci e dell’assessore Razza. L’indice Rt era alto,  i tamponi erano insufficienti come le terapie intensive, sub intensive e i posti letto ed era saltato il tracciamento”. Così afferma Giuseppe Lupo, capogruppo del Pd all’Ars durante la conferenza stampa con i colleghi Giorgio Pasqua (M5S) e Claudio Fava (Cento Passi) sulla mozione di sfiducia all’assessore alla Salute Ruggero Razza che sarà discussa all’Ars il 25 novembre prossimo.

E aggiunge: “Oggi le terapie intensive vanno verso il collasso con un’occupazione del 40%. Musumeci ha responsabilità precise: all’inizio della stagione estiva ha consentito l’occupazione del 100% di tutti i posti a sedere nei mezzi di trasporto. È una delle cause principali della diffusione del contagio. Mantenendo l’ordinanza anche dopo l’inizio delle scuole. Questo ha fatto esplodere i contagi”.

LA SFIDUCIA ALL’ASSESSORE RAZZA

Dichiara così il capogruppo del M5s, all’Ars, Giorgio Pasqua, assieme ai colleghi Lupo (Pd) e Claudio Fava (Cento Passi) sulla mozione di sfiducia all’assessore Razza: “La situazione in Sicilia sulla gestione dell’emergenza Covid ha un colpevole, ed è l’assessore Ruggero Razza che deve andare a casa”.

Così sostiene il presidente della commissione Antimafia all’Ars, Claudio Fava: “Un dirigente di un assessorato che sappia di cartelle cliniche manipolate e falsificate deve immediatamente fare i nomi alla Procura, perchè qui stiamo parlando della salute dei siciliani. La Rocca faccia i nomi e li faccia ai magistrati”.

Continua ancora Fava: “Il riferimento è alle parole del superburocrate della Regione, Mario La Rocca, sulle resistenze di alcuni manager delle Asp e degli ospedali, e di alcuni medici. I manager li hanno scelti Musumeci e Razza e se ritengono che ci siano direttori così poco reattivi e consenzienti a questa operazione di falsificazione, vanno rimossi. Il punto non è l’audio di La Rocca, qui la politica deve agire di conseguenza. Si facciano i nomi alla procura e i manager che non sono all’altezza di gestire con rigore questa fase, vadano a casa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin