Terme di Sciacca: 3,8 Milioni dalla Regione per salvarle. L'obiettivo è la riapertura :ilSicilia.it
Agrigento

L'azzeramento dei debiti sembra ora possibile

Terme di Sciacca: 3,8 Milioni dalla Regione per salvarle. L’obiettivo è la riapertura

di
13 Gennaio 2017

Le Terme di Sciacca puntano all’azzeramento dei debiti per andare sul mercato senza oneri. I 3 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione attraverso l’acquisto delle Piscine Molinelli potrebbero bastare al liquidatore Carlo Turriciano, per saldare tutte le pendenze della società, scrive il Giornale di Sicilia.

Le Terme di Sciacca
Le Terme di Sciacca

L’ammontare esatto è di 3 milioni e 800 mila euro, ma il liquidatore fa sapere che punta “ad alcune transazioni per fare rientrare tutto in quella somma”. La prossima settimana Turriciano andrà a Roma cercando di far rientrare nella transazione e dunque in una limatura i 400 mila euro che deve all’Enel. E poi 100 mila euro a Girgenti Acque che il liquidatore vorrebbe ridurre al 65% della somma.

Il Comune è creditore, per imposte locali non versate dalle Terme, di circa un milione di euro. E poi tanti privati, piccoli fornitori, creditori di somme inferiori che verrebbero tutti soddisfatti. “Possiamo farcela”, dice il liquidatore. Mentre il sindaco, Fabrizio Di Paola, parla di “un’azione decisiva che ci porterà alla riapertura delle Terme con il coinvolgimento diretto del Comune”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.