16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

eletto nel 2017 in una coalizione di centrodestra

Termini Imerese, il sindaco Giunta dice addio e rassegna le dimissioni | VIDEO

23 Marzo 2019

Il sindaco di Termini Imerese ha preannunciato le sue dimissioni. Gli ultimi mesi sono stati difficili per l’Amministrazione di Francesco Giunta, eletto nel 2017 in una coalizione di centrodestra, che oggi 23 marzo ha preannunciato di voler rimettere il suo mandato. In giornata, stando alle sue parole.

La crisi del settore metalmeccanico, dopo la dismissione dello stabilimento Fiat, lo scandalo della Blutec con il ripensamento degli investitori che nell’ex sito del Lingotto dovevano produrre auto elettriche. Poi ancora le inchieste giudiziarie delle ultime settimane con 96 indagati fra i quali proprio il sindaco di Termini Imerese, per voto di scambio e peculato.

Un melting pot di situazioni contingenti che hanno portato Giunta ad abbandonare la poltrona da sindaco. Una presa di coscienza forte che, però, lascia le opposizioni con l’amaro in bocca. Sostengono infatti che con la crisi, a più livelli, che imperversa sulla società di Termini Imerese, queste dimissioni sono intempestive.

“Come sapete – spiega Giunta, nel corso di una diretta Facebook –  nei giorni scorsi ho ricevuto insieme a 96 persone un avviso di garanzia. Ad oggi non ho avuto il tempo di acquisire la documentazione. Ho la coscienza a posto. Sono certo di dimostrare la mia estraneità dei fatti contestati e mi sono dimesso con grande dolore visto che stavamo ottenendo ottimi risultati”.

“Ma l’ho fatto perché così riuscirò meglio a difendermi da una serie di attacchi personali violenti di questi ultimi giorni. Devo ringraziare tutti gli assessori, i consiglieri comunali i dipendenti comunali per il lavoro svolto”.

“Ho grandissimo rispetto per la magistratura sia quella inquirente che giudicante. Non è una frase fatta. Sono avvocato e tornerò a fare l’avvocato. Non sono mai stato duro negli attacchi. Sono fatto così. Ho rispetto per la persona umana. Profondo rispetto. Quel rispetto che qualcuno che con i capelli bianchi dovrebbe avere godendosi una lauta pensione e non gettare e continuare a spargere veleno”.

 

GUARDA IL VIDEO IN BASSO:

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.