Termini Imerese, si candida a sindaco anche Paola Vallelunga: "Fuori dai partiti tradizionali" :ilSicilia.it

L'annuncio

Termini Imerese, si candida a sindaco anche Paola Vallelunga: “Fuori dai partiti tradizionali”

di
7 Agosto 2020

Termini Imerese è uno dei comuni che andrà al voto ella prossima tornata di elezioni amministrative. Tra i candidati ci sarà anche Paola Vallelunga, che abbiamo intervistato.

Qual è la coalizione che sostiene la candidatura di Paola Vallelunga alla carica di sindaco di Termini Imerese?

La mia candidatura alle elezioni amministrative di Termini Imerese è sostenuta da due Liste Civiche. La Lista W Termini che è composta da cittadini che vogliono sostenere la mia persona più che un credo politico, e la Lista  Civica Centro Destra unito,  composta da cittadini della medesima area di appartenenza. La denominazione Centro Destra unito come lista civica nasce nel 2014 e ha un proprio dominio internet. E’ nata in quanto molti cittadini appartenenti all’area di centrodestra non si riconoscono nei Leader attuali e vorrebbero rifondare un Centrodestra con forze politiche nuove che nulla hanno a che fare con la politica del passato. La nostra lista Centrodestra unito  non ha al suo interno nessun eletto di partito ma solo cittadini che vorrebbero un CDX realmente unito non solo a livello locale ma anche a livello Nazionale. Anche Termini Imerese c’è forte desiderio di un centrodestra unito  formato da forze  popolari e non dalle solite sigle di partito perché non ascoltano la base, le sigle di partito fanno scelte a volte in base a criteri imposti da figure politiche regionali o Nazionali spesso distanti dalla conoscenza reale  dei problemi delle città…

Qual è la decisione che ha portato il partito Area Centro Destra a candidarsi senza l’appoggio dei tradizionali partiti moderati e senza, allo stesso tempo, sostenere le loro candidature?

La mia candidatura come già detto è sostenuta dalla Lista Civica W Termini e Area Centro Destra unito quest’ultima è una lista chiara visto che le candidature a Termini sono spesso riciclate da altre aree di appartenenza con passaggi davvero incredibili… gente che ha governato o sostenuto  prima un Sindaco di destra, poi di Sinistra e viceversa.  Spesso tale situazione confusionaria è promossa proprio dalle vecchie sigle di partito e con la mia lista centrodestra unito si vuole dare un taglio a questo tipo di confusione anche perché  gli elettori  ammaliati da una sigla che hanno accesso ai media si ritrovano governati da politici regionali o nazionali “burattinai” di alcuni candidati che spesso non hanno la competenza necessaria per ricoprire la carica di sindaco, inoltre la città di Termini Imerese è stata già duramente provata dalla mala politica visto lo stato di degrado e abbandono in cui si trova quindi serve è arrivato il momento di dare un taglio netto al passato.

Quali sono le scelte che l’hanno portata ad abbandonare Forza Italia in passato?

In passato ho militato in FI ma  mi sono accorta,  in quegli anni, che molte figure politiche elette a qualunque livello non avevano a cuore il popolo perseguivano solo interessi personali e questo mi faceva sentire a disagio visto che io vedo la politica come un servizio in favore del popolo e non per un tornaconto personale, la politica è un servizio non un privilegio purtroppo tanti di loro non hanno mai cambiato modo di fare …

Quali sono i punti del programma da sindaco per Termini Imerese?

Beh, potrei parlarle delle cose che ho già realizzato in favore della città di Termini Imerese  al di fuori del Consiglio Comunale, ad esempio il sequestro di  una discarica abusiva, il rifacimento del ponte di Contrada Lignari o l’aver scongiurato epidemie a causa di noti cumuli di spazzatura, l’aver cercato di bloccare un inceneritore, etc etc. Comunque è ancora un po’ presto per parlare del programma visto che ci tengo e tenerlo riservato sino al momento del deposito  ufficiale ma posso assicurarle che  il mio programma avrà una discontinuità con il modo di fare politica del passato  e conterrà  proposte in tutela dei termitani  che si attueranno  i nei primi  50  giorni la città è al collasso i tempi che viviamo sono davvero difficili e serve una guida sicura che sin da subito sappia cosa fare e  come risollevare molte questioni davvero inaccettabili per una città alla quale certa vecchia politica ha tolto anche la dignità  comunque la mia lista W termini è ancora aperta a uomini e donne di buona  volontà

 

© Riproduzione Riservata
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.