16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.48
Palermo

tutto fermo da luglio

Termini Imerese, vertenza Blutec, Varchi (Fdi): “Incomprensibile l’immobilismo del M5S”

20 Settembre 2018

Forte preoccupazione” per la vicenda, ancora irrisolta, degli ex lavoratori Fiat di Termini Imerese in provincia di Palermo e per il nodo del contenzioso Blutec/Invitalia, riguardante il piano di rientro delle somme già erogate.

Ad esprimere perplessità è il parlamentare nazionale di Fratelli d’Italia, Carolina Varchi. “L’iter di reindustrializzazione e il rilancio dell’ex stabilimento Fiat affidato all’azienda Blutec – dice – avrebbero già dovuto prendere forma per dare risposte concrete agli operai esasperati dall’assenza di certezze e dalla lentezza delle trattative e il cui ricollocamento avrebbe dovuto essere definito entro il 31 dicembre dello scorso anno”.

“I ritardi nella realizzazione del progetto, però, hanno indotto Invitalia a chiedere la restituzione dei circa 20 milioni di euro già erogati per il primo step del programma, rimandando così al 2019 l’obiettivo di riassumere i settecento lavoratori in attesa”.

“Appare davvero anomalo – continua – come, a fronte di un’emergenza così delicata che potrebbe determinare azioni di protesta, anche drammatiche, da parte degli operai coinvolti,  il Movimento Cinque Stelle, che della vertenza Blutec ha sempre fatto un cavallo di battaglia in occasione di tutte le campagne elettorali, manifesti oggi un incomprensibile immobilismo. Dallo scorso luglio a oggi non è stato aggiornato il tavolo per la vertenza Blutec al Mise”.

Le critiche dell’esponente del partito di Giorgia Meloni sono rivolte principalmente al vice premier titolare delle deleghe del Lavoro e dello Sviluppo economico. “L’ultimo tavolo dedicato a Blutec – spiega – si è tenuto nel mese di luglio a Roma, pur essendo stato originariamente convocato a Termini Imerese e, malgrado si fosse stabilito di riaggiornarlo in tempi rapidi, non si hanno ancora notizie in merito: due mesi di attesa sono davvero troppi per una situazione così grave”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.