"Terra: io sono", l'installazione naturale all'Orto botanico di Palermo | Video e foto :ilSicilia.it
Palermo

preparativi in vista del festival

“Terra: io sono”, l’installazione naturale all’Orto botanico di Palermo | Video e foto

di
19 Maggio 2018

Guarda il video dei preparativi in alto

Un’installazione nel cuore dell’Orto botanico di Palermo, per rivelare il senso dell’uno e del molteplice, l’unità e le infinite parti, l’originario e la diversità. Si tratta di “Terra: io sono”, che rappresenta la riunione di terre e di acque provenienti da diversi luoghi e paesi del mondo. Con la partecipazione libera dei cittadini e visitatori dell’Orto.

In queste ore sono iniziati i preparativi per la realizzazione dell’installazione, in fase di allestimento nell’ambito di “Orto In Arte”, il festival internazionale in programma dal 26 maggio al 2 giugno all’Orto Botanico di Palermo.

“Terra: io sono” viaggia per il mondo e giunge dal Goetheanum all’isola di Sicilia, “perché di acque e di terre è fatta la sua vocazione – si legge nel progetto – laddove battiti di cuori e respiri risuonano all’Unisono per ritrovare l’Amore Originario”.  Il progetto dell’installazione è di Lara Pedilarco, Miranda Sapienza e Pietro Finocchiaro. Con la partecipazione di Lea Cavallari, Guendalina Salini e Marta Allegra. Con il contributo e supporto di Argital.

La prima parte di “Terra: io sono” è incominciata al Goetheanum in Svizzera, dove è avvenuta la raccolta di terre e acque provenienti da diverse aree geografiche del mondo; condivisione delle terre e delle acque con un momento artistico da parte dei partecipanti, insieme ad alcuni euritmisti; restituzione di una parte delle terre e delle acque al Goetheanum e la partenza delle stesse terre e acque da Dornach per Palermo. Qui OrtoInArte le accoglie, creando un ponte di fratellanza tra i due luoghi.

Una volta iniziato il Festival, è prevista l’unione con le altre terre e acque raccolte in Sicilia all’Orto Botanico con la partecipazione di tutte le persone che aderiranno all’iniziativa. Durante la performance, saranno presenti inoltre esponenti di diverse etnie del Mondo, tra i quali i Moso dalla Cina; con una parte di queste terre e acque, si realizzerà un’opera d’arte fatta da un artista che sarà donata successivamente all’Orto Botanico.

L’evento, si concluderà con una grande festa e celebrazione alla vita il 2 giugno sempre all’Orto Botanico. Una parte di queste terre e acque verranno portate successivamente a Lampedusa in barca, attraversando il Mediterraneo come gesto di pace e di rispetto per ogni vita umana.

“Orto in Arte”, festival internazionale è ideato e diretto dall’imprenditrice Margarida Tavares con la collaborazione di Carmelo Samonà (medico ad orientamento antroposofico, membro del Collegio di Presidenza della Società Antroposofica in Italia) e contributi per l’ideazione e consulenza artistica di Lara Pedilarco, euritmista. Il festival è organizzato da “Rinascita 18” società benefit, in collaborazione con Il SiMuA, Sistema Museale d’Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo, nell’ambito delle manifestazioni di “Palermo capitale italiana delle cultura 2018”.

Guarda in basso la galleria fotografica

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin