"Terra: io sono", l'installazione naturale all'Orto botanico di Palermo | Video e foto :ilSicilia.it
Palermo

preparativi in vista del festival

“Terra: io sono”, l’installazione naturale all’Orto botanico di Palermo | Video e foto

di
19 Maggio 2018

Guarda il video dei preparativi in alto

Un’installazione nel cuore dell’Orto botanico di Palermo, per rivelare il senso dell’uno e del molteplice, l’unità e le infinite parti, l’originario e la diversità. Si tratta di “Terra: io sono”, che rappresenta la riunione di terre e di acque provenienti da diversi luoghi e paesi del mondo. Con la partecipazione libera dei cittadini e visitatori dell’Orto.

In queste ore sono iniziati i preparativi per la realizzazione dell’installazione, in fase di allestimento nell’ambito di “Orto In Arte”, il festival internazionale in programma dal 26 maggio al 2 giugno all’Orto Botanico di Palermo.

“Terra: io sono” viaggia per il mondo e giunge dal Goetheanum all’isola di Sicilia, “perché di acque e di terre è fatta la sua vocazione – si legge nel progetto – laddove battiti di cuori e respiri risuonano all’Unisono per ritrovare l’Amore Originario”.  Il progetto dell’installazione è di Lara Pedilarco, Miranda Sapienza e Pietro Finocchiaro. Con la partecipazione di Lea Cavallari, Guendalina Salini e Marta Allegra. Con il contributo e supporto di Argital.

La prima parte di “Terra: io sono” è incominciata al Goetheanum in Svizzera, dove è avvenuta la raccolta di terre e acque provenienti da diverse aree geografiche del mondo; condivisione delle terre e delle acque con un momento artistico da parte dei partecipanti, insieme ad alcuni euritmisti; restituzione di una parte delle terre e delle acque al Goetheanum e la partenza delle stesse terre e acque da Dornach per Palermo. Qui OrtoInArte le accoglie, creando un ponte di fratellanza tra i due luoghi.

Una volta iniziato il Festival, è prevista l’unione con le altre terre e acque raccolte in Sicilia all’Orto Botanico con la partecipazione di tutte le persone che aderiranno all’iniziativa. Durante la performance, saranno presenti inoltre esponenti di diverse etnie del Mondo, tra i quali i Moso dalla Cina; con una parte di queste terre e acque, si realizzerà un’opera d’arte fatta da un artista che sarà donata successivamente all’Orto Botanico.

L’evento, si concluderà con una grande festa e celebrazione alla vita il 2 giugno sempre all’Orto Botanico. Una parte di queste terre e acque verranno portate successivamente a Lampedusa in barca, attraversando il Mediterraneo come gesto di pace e di rispetto per ogni vita umana.

“Orto in Arte”, festival internazionale è ideato e diretto dall’imprenditrice Margarida Tavares con la collaborazione di Carmelo Samonà (medico ad orientamento antroposofico, membro del Collegio di Presidenza della Società Antroposofica in Italia) e contributi per l’ideazione e consulenza artistica di Lara Pedilarco, euritmista. Il festival è organizzato da “Rinascita 18” società benefit, in collaborazione con Il SiMuA, Sistema Museale d’Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo, nell’ambito delle manifestazioni di “Palermo capitale italiana delle cultura 2018”.

Guarda in basso la galleria fotografica

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin