Terremoti: sciame sismico nella Valle del Belice :ilSicilia.it
Agrigento

a Menfi la terra ha tremato otto volte in 12 ore

Terremoti: sciame sismico nella Valle del Belice

di
19 Luglio 2019

Varie scosse di terremoto sono state registrate dall’Istituto Geofisico di Vulcanologia a Menfi (Agrigento), tra tra ieri sera e stamane, a pochi km dal centro abitato. Lo sciame sismico (di magnitudo variabile tra 1.4 e 2.4 della Scala Richter) è stato avvertito anche a Sciacca.

La Protezione civile di Menfi è già stata allertata. Non si registrano danni a persone o cose. Diverse persone sono uscite fuori casa.

La terra ha tremato per ben otto volte nell’arco di dodici ore la terra a Menfi, area della Valle del Belìce che non ha ancora certamente dimenticato la tragedia del terremoto devastante del 1968.

L’INGV ha registrato la prima scossa ieri sera alle 20,57, con epicentro 6 km a est del territorio comunale di Menfi. Si è trattato di un terremoto di magnitudo 2.4. Il sisma si è poi ripetuto alle 21,03 (intensità 1.4), alle 21,43 (2.2), alle 23,35 (2.1), alle 23,44 (1.3), alle 4,55 (2.0), alle 7,55 (1.2). L’ultima scossa alle 8,49 di stamattina (magnitudo 2.3).

Uno sciame sismico che è stato avvertito anche nei comuni vicini. A Menfi diverse persone sono scese in strada, soprattutto dopo la prima scossa. Tra il 15 e il 16 luglio scorsi, sempre a Menfi, erano state registrate altre due scosse, entrambe di magnitudo 2.5.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.