Terremoto alla Gesap, decade il CdA. Il comune di Cinisi chiede spiegazioni :ilSicilia.it
Palermo

nella qualità di azionista di minoranza

Terremoto alla Gesap, decade il CdA. Il comune di Cinisi chiede spiegazioni

21 Settembre 2019

Tre componenti su cinque lasciano l’incarico e il Consiglio di amministrazione decade. “Terremoto” alla Gesap, la società che gestisce l’aeroporto Falcone-Borsellino. L’amministratore delegato Giovanni Scalia e due consiglieri di amministrazione, Cleo Li Calzi e Domenico Cacciatore, hanno rassegnato il mandato in Gesap. Una decisione che ha fatto decadere l’interno Cda. Nessuna spiegazione ufficiale, ma da mesi si parla di tensioni nella compagine alla guida della società. Restano al loro posto presidente Tullio Giuffré e il suo vice Alessandro Albanese. Dovranno convocare un’assemblea dei soci che ratifichi le dimissioni e avviare il nuovo corso. Intanto, formalmente, il Cda rimane in piedi e non viene intaccata l’operatività dello scalo.

Il Comune di Cinisi, nella qualità di azionista di minoranza della Gesap, ha formalmente richiesto al presidente Giuffrè, la convocazione dell’Assemblea dei soci – fa sapere il sindaco Giangiacomo Palazzolo – per comprendere le ragioni che hanno indotto alle dimissioni l’amministratore delegato Scalia e i consiglieri Cacciatore e Li Calzi, comportando la decadenza dell’intero Cda. La notizia appresa a mezzo stampa, non anticipata formalmente agli azionisti, denota una grave situazione all’interno di Gesap i cui contenuti devono necessariamente essere chiariti in sede assembleare. Per il momento, il Comune di Cinisi si limita a prendere atto – anche per la modalità con cui si è arrivati alla decadenza del Cda – di una situazione grave – conclude il primo cittadino – che certamente danneggia la società, riservandosi di porre in essere tutte le azioni necessarie a tutelare i lavoratori e il patrimonio societario“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.