Terremoto, in Sicilia esperti della Protezione civile dal Friuli Venezia Giulia :ilSicilia.it
Catania

Firmato il decreto di emergenza

Terremoto, in Sicilia esperti della Protezione civile dal Friuli Venezia Giulia

31 Dicembre 2018

La Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia accorre in soccorso della Sicilia per dare una mano dopo l’emergenza terremoto del catanese. Dando esecuzione alla legge regionale 64 del 1986 (ovviamente emanata nella regione del Nord Italia) che prevede di rispondere a necessità di solidarietà nazionale, il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi, che ha delega alla Protezione civile, ha firmato il decreto di emergenza. L’atto è stato deciso d’intesa con Massimiliano Fedriga.

Con la forma del provvedimento si consente l’invio immediato di un primo contingente di tre tecnici nelle zone terremotate del Catanese. In particolare, gli esperti opereranno su richiesta del Dipartimento nazionale e svolgeranno attività di verifica dell’agibilità delle abitazioni danneggiate dal terremoto del 26 dicembre scorso.

L’esperienza e la preparazione tecnica, professionale e umana della nostra Protezione civile – ha sottolineato il vicegovernatore della regione Riccardi – è un patrimonio del Friuli Venezia Giulia ma deve essere a disposizione dell’intera nazione. Come in passato in altre tragiche calamità, i nostri esperti lavoreranno a fianco delle squadre locali e del Dipartimento nazionale per contribuire a raggiungere le migliori prestazioni di soccorso“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.