Terremoto nella sanità siciliana: Musumeci revoca l'incarico a Candela :ilSicilia.it

la dichiarazione del governatore

Terremoto nella sanità siciliana: Musumeci revoca l’incarico a Candela

22 Maggio 2020

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci ha revocato l’incarico di Preposto coordinatore della Struttura sanitaria che si occupa dell’emergenza Covid-19, ad Antonino Candela, finito ai domiciliari ieri nell’ambito dell’inchiesta della Procura ‘Sorella Sanita’. Candela era stato nominato dallo stesso Musumeci il 13 marzo scorso e sarebbe dovuto rimanere in carica fino al prossimo giugno.

Nel provvedimento Musumeci scrive “che non appare necessario provvedere alla nomina di un nuovo Coordinatore-Preposto in sostituzione del soggetto in questa sede revocato, anche tenuto conto della circostanza che l’incarico in questione sarebbe venuto a scadere natura/iter in data 13 giugno 2020″.

Il Comitato Tecnico-Scientifico per l’Emergenza coronavirus in Sicilia, comunque, permane in carica nella composizione e con gli obiettivi allo stesso originariamente assegnati, fino alla scadenza del mandato e salvo motivata proroga determinata dalla prosecuzione dello stato di emergenza.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.