Terreni confiscati alla mafia: il Comune di Catania li dà gratis a scopi sociali :ilSicilia.it
Catania

avviato il bando per il comodato d'uso

Terreni confiscati alla mafia: il Comune di Catania li dà gratis a scopi sociali

di
4 Giugno 2021

L’Amministrazione comunale di Catania ha pubblicato il bando di gara per assegnare in concessione di comodato d’uso gratuito, quattro lotti di vasti terreni agricoli confiscati alla mafia, situati nella piana di Catania, da utilizzare a scopi sociali.

Due delle aree che lo Stato ha tolto alla criminalità organizzata riguardano appezzamenti di terreno coltivati ad agrumeto in contrada Jungetto; altri due lotti, invece, riguardano terreni agricoli situati nella contrada Aragona-Caldara.

“Abbiamo finalmente aperto – afferma il sindaco di Catania, Salvo Pogliese – una fase nuova sul delicato e complesso fronte della destinazione sociale degli immobili confiscati alla mafia che ha già fruttato l’affidamento di un immobile nella zona del Rotolo, a un’associazione che opera nel sociale. Questo nuovo bando a quattro lotti è un ulteriore importantissimo passo in avanti che consentirà di valorizzare terreni agricoli che possono anche produrre, da destinare a scopi sociali”.

“Catania ha subito troppi danni dalla mala pianta della mafia – continua Pogliese – e questi altri due bandi sono un altro incontrovertibile segnale di sostegno alle organizzazioni cittadine fondate sul valore del servizio ai cittadini. Anche per questo nei mesi scorsi ho affidato la delega dei beni confiscati alla mafia all’assessore Michele Cristaldi per accelerare, come in effetti sta avvenendo, sulla concessione degli immobili prima in mano ai mafiosi e che stiamo restituendo alla collettività in maniera trasparente, anche per l’alto valore simbolico e pedagogico che questo rappresenta per le istituzioni”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin