Terrorismo. Minniti, "Il G7 di Taormina sarà d'esempio. Ecco perché è andata bene" :ilSicilia.it

Terrorismo. Minniti, “Il G7 di Taormina sarà d’esempio. Ecco perché è andata bene”

1 Giugno 2017
Il corteo "No G7"
Il corteo “No G7”

“Il G7 di Taormina sarà d’esempio all’Italia per i prossimi appuntamenti di questo livello ed è un modello che deve renderci orgogliosi di come sono andate le cose”. Lo ha dichiarato il Ministro dell’Interno Marco Minniti tornando sul G7 e sulla perfetta macchina organizzativa che ha garantito la sicurezza al vertice dei sette grandi, sconfiggendo le paure e le ansie della vigilia sul rischio di attentati ma anche scongiurando incidenti al corteo del “No G7”.

“Il complesso ed articolato dispositivo di sicurezza che abbiamo messo in atto – ha spiegato Minniti – ha consentito il regolare e assolutamente sereno svolgimento del Vertice del G7. Abbiamo dato un’immagine altamente positiva del nostro Paese in tutto il mondo”.

 

Minniti ha anche richiamato l’eco del recente attentato di Manchester: “Non c’è nulla di più sconvolgente e inaccettabile della violenza che colpisce il cuore dell’Europa, che colpisce i giovani durante un momento di festa. Nel momento in cui tante vite vengono spezzate in modo così brutale, è nostro dovere interrogarci. Abbiamo di fronte una grande sfida, che è quella del terrorismo internazionale, che punta a prenderci la vita e a rubarci il futuro. Per far fronte alle paure, la sinistra non si approccia biasimando quelli che hanno paura, la sinistra li ascolta e li comprende, sta vicino a loro. È questa la grande differenza tra noi e i populismi. Se una sinistra riformista non si prende cura dei più deboli, ma di cosa si occupa? È questo il cuore della questione. Tornando al tema della sicurezza, è normale guardare le statistiche. Ma sono anche perfettamente consapevole che nel momento in cui affronto un ragionamento con i miei connazionali, non posso limitarmi ai numeri”.

 

A Taormina, d’altronde, sono stati impegnati 7.151 operatori, ripartiti esattamente in 2.112 addetti della Polizia di Stato, 1.722 Carabinieri e 1.294 della Guardia di Finanza e 2.023 Forze Armate; 770 unità dei reparti mobili, 60 unità della Polizia ferroviaria, 105 unità della Polizia scientifica, 16 tiratori scelti e 20 artificieri. Ma oltre i numeri, secondo Minniti c’è di più. Nella sfida del dover fare il possibile per prevedere anche l’impossibile è sceso in campo anche il sentimento e la voglia forte di proteggere la comunità.

“La sicurezza che abbiamo messo in campo a Taormina, in fondo, è un sentire, un sentirsi, un sentimento. Dobbiamo riuscire a trasmettere un messaggio che garantisca l’idea e il sentimento della sicurezza. Quel sentimento è un elemento importante per la vita di ciascuno di noi. Ora tante famiglie si trovano davanti a una drammatica sfida e si interrogano per esempio se devono o no mandare i propri figli a un concerto. Il mio compito è quello di dire ‘sì, li dobbiamo mandare’ e di lavorare per garantire il massimo della sicurezza. La cosa più sbagliata da fare è quella di barattare sicurezza e libertà. Non lo possiamo fare. Quando qualcuno dice che di fronte a una sfida drammatica per la sicurezza dobbiamo rinunciare a un po’ della nostra libertà, quel qualcuno è un cattivo maestro. Sicurezza e libertà devono stare insieme e sono il cuore della vera sfida riformista”.

“Se vogliamo avere un’idea moderna di sicurezza – ha proseguito Minniti – dobbiamo tenere certamente conto delle direttrici nazionali, ma anche delle specificità locali e per farlo c’è bisogno di collaborare con i sindaci, con chi il territorio lo conosce bene. Occorre costruire quindi un modello di sicurezza. Per garantire la sicurezza di una piazza non può bastare che sia pattugliata dalle forze di Polizia. Serve, ma non basta. C’è bisogno che quella piazza sia illuminata, inserita in un modello di sviluppo urbanistico e di integrazione sociale. La parola sicurezza è qualcosa di più impegnativo del mero ordine pubblico. E quindi non la possiamo lasciare nelle mani di chi non la concepisce in questo modo. Tutte le vere sfide non si vincono solo sul piano della ragione. Gli appassionati vincono perché gli appassionati sanno trasmettere le loro idee”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.