Terrorismo pro-Isis e immigrazione clandestina, 15 arresti fra Palermo, Trapani e Caltanissetta | VIDEO :ilSicilia.it

Blitz del Ros dei carabinieri oggi all'alba

Terrorismo pro-Isis e immigrazione clandestina, 15 arresti fra Palermo, Trapani e Caltanissetta | VIDEO

di
9 Gennaio 2019

Guarda il video in alto con le immagini registrate dai profili Facebook degli arrestati

Sono quindici le persone arrestate dai Carabinieri del R.O.S. di Palermo, che stamattina all’alba hanno eseguito l’ordine di custodia cautelare nelle province di Palermo, Trapani, Caltanissetta e Brescia, su disposizione della Dda del capoluogo siciliano.

Gli arrestati, sono quasi tutti tunisini, ma c’è anche un marocchino e due palermitani: nei loro confronti le accuse sono di istigazione a commettere delitti in materia di terrorismo, associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ingresso illegale di migranti nel territorio nazionale ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria.

Il capo dell’organizzazione, un tunisino, istigava al terrorismo, invocava la morte in nome di Allah e faceva apologia dello Stato islamico. Sul suo profilo Facebook sono state trovate video e foto che inneggiavano all’Isis e con immagini di decapitazioni. Sul social video di esecuzioni e di propaganda per andare a combattere in Siria.

L’organizzazione criminale gestiva viaggi a bordo di natanti veloci di piccoli gruppi di migranti tra la Tunisia e l’Italia. Per arrivare in Sicilia dalla Tunisia si sarebbe pagato circa 1.500 euro, mentre chi era ricercato nel Paese nordafricano per vari reati (anche legati al terrorismo), avrebbe pagato fino al doppio.

A far prendere le mosse all’indagine un pentito che detenuto a Genova avrebbe detto agli inquirenti di voler collaborare con la giustizia per scongiurare che ci si ritrovi in Italia un esercito di kamikaze pronti a farsi uccidere. Molti fra gli arrestati vivono fra Marsala, Palermo, Erice e Piana degli Albanesi, in provincia di Palermo. Le indagini sono coordinate dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dai sostituti Gery Ferrara e Claudia Ferrari.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Questi i fermati su ordine della Dda di Palermo che ha scoperto una organizzazione criminale che gestiva viaggi di migranti tra la Tunisia e la Sicilia: Monti Ltaief, 47 anni, tunisino, Aymen Ouafi, tunisino, 34 anni, Noureddine Jallali, tunisini, 47 anni, Mohamed El Kouch, marocchino, 29 anni, Hassen Fadhlaoui, tunisino, 27 anni, Michele Mercurio, palermitano, 62 anni e Salvatore Sutera, palermitano, 56 anni.

Altri sette indagati risultano latitanti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin