Testa di agnello sul parabrezza: macabra intimidazione ad una giornalista catanese :ilSicilia.it
Catania

dopo articoli su festa di Sant'Agata

Testa di agnello sul parabrezza: macabra intimidazione ad una giornalista catanese

9 Febbraio 2019

Una testa di agnello tagliata a metà sul parabrezza dell’auto di Fabiola Foti, giornalista catanese e direttore responsabile del sito lurlo.news, che ha denunciato l’episodio ai carabinieri di Catania.

È stata la stessa cronista a rendere noto quanto accaduto con una fotonotizia sul suo giornale. “Qualche giorno fa – scrive Fabiola Foti – qualcuno mi ha scritto sui social ‘fatti i cazzi tuoi’. La notte scorsa ho trovato una testa di agnello sul parabrezza della macchina. I macabri resti erano stati spalmati lato guida. Ho chiamato i carabinieri e ho sporto denuncia”.

“Quindi cosa significa questo? Che dovrei – si chiede Foti – piuttosto parlare del tempo e di cassate siciliane? Mi si invita a scrivere di altro? Sono una giornalista siciliana che vive e opera a Catania. Devo parlare del mare? Devo parlare dei dolci tipici? Volete che scriva che tutto va bene? E invece – conclude Foti – io mi limito qui a riproporre gli articoli che ho pubblicato negli ultimi giorni:

  • ‘Gli irriducibili di Sant’Agata. Sul fercolo: il pregiudicato e il responsabile rimosso’
  • Il Capovara, protetto dalla Chiesa, non rappresenta più il popolo se stacca il cordone’
  • ‘Lasciano bagnare Sant’Agata per continuare a lucrare sulla cera?’
  • ‘Associazioni agatine e autocertificazione su fedina penale. Chi controllerà…?”.

 

LE REAZIONI

Solidarietà dell’Ordine dei Giornalisti: “Il consiglio dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia esprime profonda preoccupazione per l’inquietante episodio che ha visto suo malgrado protagonista la collega Fabiola Foti. Il consiglio garantisce sin d’ora alla giornalista la propria vicinanza, certo che proseguirà la propria attività senza lasciarsi intimidire. Al tempo stesso si augura che le forze dell’ordine diano una immediata risposta a chi, anche attraverso tali gesti, prova a condizionare il ruolo dell’informazione in Sicilia”.

L’Ugl di Catania“A nome della Ugl di Catania esprimo la solidarietà alla giornalista e direttrice della testata online “L’urlo”, Fabiola Foti, vittima di una vile intimidazione legata probabilmente al suo intenso lavoro di inchiesta e di ricerca della verità su fatti che riguardano il nostro territorio. Il sindacato è sempre vicino a chi, in questa città continua a mantenere la schiena dritta, producendo informazione libera da qualsiasi condizionamento.” Lo dichiara il segretario generale territoriale della Ugl, Giovanni Musumeci.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.