Tindari Festival: grande partecipazione di pubblico alla 63esima edizione :ilSicilia.it
Messina

tra prosa, opera, musica, danza, performance

Tindari Festival: grande partecipazione di pubblico alla 63esima edizione

20 Settembre 2019

Cala il sipario sulla 63esima edizione del Tindari Festival con report incoraggianti che confermano la rassegna tra le punte di diamante della programmazione estiva del comune di Patti.

Più di diecimila spettatori in quasi due mesi di programmazione per oltre trenta eventi suddivisi tra prosa, opera, musica, danza, performance artistiche tra prosa, opera, musica, danza, performance artistiche e manifestazioni di approfondimento culturale, con la collaborazione di realtà importanti come il “Festival dei Due Mari”, “Indiegeno Fest” e il “Festival dei Teatri di Pietra” e il coinvolgimento di circa venti compagnie di spettacolo.

Pienamente soddisfatto il direttore artistico Anna Ricciardi, al timone del festival ormai da sette stagioni: “Anche quest’anno il Tindari Festival si é espresso attraverso multiformi arti sceniche, dall’opera lirica alla prosa, dalla danza alla musica, nel rispetto di un palcoscenico antico come quello del teatro greco. Ringrazio tutti gli artisti che hanno reso speciale ogni evento, suscitando grande apprezzamento da parte del pubblico“.

Ed è proprio la vocazione del festival alla multidisciplinarietà, segno distintivo di una terra ricca di cultura e storia millenarie, a rappresentare il punto fermo da cui ripartire per programmare la stagione futura, “con l’obiettivo –  continua la Ricciardi – di mantenere e rinvigorire l’identità della kermesse”.

Altrettanto fondamentali saranno le sinergie che i vari attori istituzionali sapranno mettere in campo: “La storia del festival e la sua articolazione, dichiara a tal proposito il direttore artistico, rendono necessaria una Fondazione che insieme al Parco archeologico possa rinvigorire l’identità della manifestazione“.

Doveroso, infine, un accenno a Tyndaris Augustea, evento interamente ideato e prodotto sotto la regia del Tindari Festival: “La seconda edizione di Tyndaris Augustea – sottolinea la Ricciardi – ha dimostrato come un evento a carattere storico e archeologico, costruito con cura e intelligenza, possa arrivare ad un pubblico vastissimo. Condurre i visitatori alla scoperta dei tesori archeologici di Tindari attraverso un’immersione totale nelle vestigia del passato, grazie alla messa in scena di alcuni episodi salienti della gloriosa storia dell’antico insediamento greco romano, si è rivelata una formula vincente che in futuro vogliamo e dobbiamo riproporre con una convinzione sempre maggiore”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.