13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.31
Messina

tra prosa, opera, musica, danza, performance

Tindari Festival: grande partecipazione di pubblico alla 63esima edizione

20 Settembre 2019

Cala il sipario sulla 63esima edizione del Tindari Festival con report incoraggianti che confermano la rassegna tra le punte di diamante della programmazione estiva del comune di Patti.

Più di diecimila spettatori in quasi due mesi di programmazione per oltre trenta eventi suddivisi tra prosa, opera, musica, danza, performance artistiche tra prosa, opera, musica, danza, performance artistiche e manifestazioni di approfondimento culturale, con la collaborazione di realtà importanti come il “Festival dei Due Mari”, “Indiegeno Fest” e il “Festival dei Teatri di Pietra” e il coinvolgimento di circa venti compagnie di spettacolo.

Pienamente soddisfatto il direttore artistico Anna Ricciardi, al timone del festival ormai da sette stagioni: “Anche quest’anno il Tindari Festival si é espresso attraverso multiformi arti sceniche, dall’opera lirica alla prosa, dalla danza alla musica, nel rispetto di un palcoscenico antico come quello del teatro greco. Ringrazio tutti gli artisti che hanno reso speciale ogni evento, suscitando grande apprezzamento da parte del pubblico“.

Ed è proprio la vocazione del festival alla multidisciplinarietà, segno distintivo di una terra ricca di cultura e storia millenarie, a rappresentare il punto fermo da cui ripartire per programmare la stagione futura, “con l’obiettivo –  continua la Ricciardi – di mantenere e rinvigorire l’identità della kermesse”.

Altrettanto fondamentali saranno le sinergie che i vari attori istituzionali sapranno mettere in campo: “La storia del festival e la sua articolazione, dichiara a tal proposito il direttore artistico, rendono necessaria una Fondazione che insieme al Parco archeologico possa rinvigorire l’identità della manifestazione“.

Doveroso, infine, un accenno a Tyndaris Augustea, evento interamente ideato e prodotto sotto la regia del Tindari Festival: “La seconda edizione di Tyndaris Augustea – sottolinea la Ricciardi – ha dimostrato come un evento a carattere storico e archeologico, costruito con cura e intelligenza, possa arrivare ad un pubblico vastissimo. Condurre i visitatori alla scoperta dei tesori archeologici di Tindari attraverso un’immersione totale nelle vestigia del passato, grazie alla messa in scena di alcuni episodi salienti della gloriosa storia dell’antico insediamento greco romano, si è rivelata una formula vincente che in futuro vogliamo e dobbiamo riproporre con una convinzione sempre maggiore”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.