Tir esce fuori strada: traffico in tilt sulla Palermo-Catania :ilSicilia.it
Catania

disagi

Tir esce fuori strada: traffico in tilt sulla Palermo-Catania

14 Gennaio 2020

Code di traffico e mezzi pesanti si sono formate in queste ore sulla strada provinciale 19 di Resuttano.

La strada è battuta in questi giorni dai mezzi pesanti a causa del divieto di percorrenza dell’autostrada A19 del tratto Resuttano-Ponte Cinque Archi dovuto al pericolo crollo del viadotto Cannatello.

Un tir carico, adibito al servizio di trasporto rifiuti, nel percorrere una curva è scivolato di traverso a causa del fango presente sulla strada (come si può vedere nelle foto postate da alcuni utenti su Facebook), finendo in parte dentro la cunetta a margine della carreggiata.

Anche gli autobus di linea sono costretti ad affrontare un percorso alternativo che prevede l’utilizzo delle strade provinciali 19, 10, 72 e 112 e di un pezzo di statale 112 fino allo svincolo di Ponte Cinque Archi dove è previsto il rientro in autostrada.

Una deviazione che obbliga all’attraversamento dei centri abitati di Resuttano e Santa Caterina Villarmosa già colpiti da dissesti idrogeologici. Una deviazione che si è resa necessaria poco prima del Natale scorso a causa di problemi strutturali come già scritto al viadotto Cannatello.

Si ricorda – continua l’Anas – che tale percorso alternativo è quello che si consiglia di percorrere a prescindere dalle condizioni di traffico e meteorologiche, in sostituzione di quello con uscita a Resuttano che prevede la percorrenza delle strade provinciali sp19 e sp112. Lungo tali strade provinciali Anas, pur non avendo diretta competenza, su richiesta delle amministrazioni locali ha provveduto ad avviare interventi urgenti di messa in sicurezza del piano viabile, attualmente in corso di esecuzione“.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.