Toninelli a Letojanni: "Accelerare l'iter per la frana A18, troppe inadempienze Cas" :ilSicilia.it
Messina

Sopralluogo del ministro alla frana in autostrada

Toninelli a Letojanni: “Accelerare l’iter per la frana A18, troppe inadempienze Cas”

di
26 Marzo 2019

“Sono venuto a verificare la situazione della frana di Letojanni e ho voluto toccare con mano le numerose inadempienze del concessionario autostradale siciliano Cas. Entro un mese il Consorzio Autostrade Siciliane dovrà venire a Roma e dare delle risposte precise su ciò che è successo fino ad oggi è su ciò che intende fare per il futuro. Un’autostrada bloccata da quasi 4 anni è una cosa inaccettabile”. Lo ha detto il ministro Danilo Toninelli, che stamattina ha effettuato un sopralluogo insieme alla portavoce del M5S all’Ars, Valentina Zafarana, ed insieme alla deputazione nazionale e regionale del Movimento Cinque Stelle, alla frana a Letojanni, in atto dal 2015 lungo l’autostrada A18 Messina-Catania. Sul posto c’era anche l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone.

Toninelli si è anche recato a Capo Sant’Alessio per valutare le condizioni della strada statale 114, tratto di viabilità vitale per le popolazioni locali e purtroppo a rischio costante di frana. Anas ha presentato, a tal riguardo, la progettazione in itinere.

la frana avvenuta nel 2015 a Letojanni
La frana del 2015 a Letojanni

Ma l’attenzione si è soprattutto concentrata sulla frana a Letojanni: «Non saranno consentiti altri ritardi e altre inadempienze sulla vicenda della frana di Letojanni – continua Toninelli – e più in generale stiamo controllando il Consorzio Autostrade Siciliane, che gestisce circa 300 km di autostrade in questa isola. Ho constatato troppi ritardi e problematiche che complicano la vita dei siciliani. Abbiamo stressato molto tutti gli enti preposti su questa ed altre problematiche che affliggono la Sicilia, soprattutto il Cas del quale abbiamo appurato molteplici inadempienze. Ho avuto di confrontarmi con tutta la deputazione del M5S e ho visto che la gente è veramente stanca. I rappresentanti dei comitati dei cittadini qui hanno ragione a dire: “Basta all’assenza dello Stato sul territorio siciliano, prima che si muova la prima pietra trascorrono sempre anni”. Il livello di incidentalità su questa autostrada – ha aggiunto Toninelli – è enorme, il traffico è elevato e si sviluppa nell’intero arco della giornata senza pause e ci sono moltissimi autocarri, quindi l’attuale situazione crea criticità che vanno affrontate e rimosse al più presto».

“Sul Cas nessun siciliano credo dia un giudizio positivo e si sono verificati tanti inadempimenti, migliaia di mancati obblighi. Ho incontrato la nuova governance che la Regione ha nominato proprio oggi, e forse non è un caso che Musumeci abbia fatto queste nomine visto che sapeva che il Ministro veniva in Sicilia a fare dei sopralluoghi. Bisogna rispettare gli impegni di messa in sicurezza, manutenzione e ristrutturazione di tutti i 300 km di autostrade. Sono stati rilevati 541 inadempimenti ancora vigenti, daremo al Cas un po’ di tempo e allora o dimostreranno di saperlo gestire o questo affidamento dovrà finire. Lo Stato e la Regione che ci hanno preceduti hanno fallito, ora occorre avviare i cantieri e restituire una viabilità normale ai cittadini”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin