Tonnara di Favignana, la Castiglione costretta a chiudere: "Decisione sofferta" :ilSicilia.it
Trapani

giudicata inadeguata la suddivisione delle quote

Tonnara di Favignana, la Castiglione costretta a chiudere: “Decisione sofferta”

di
31 Maggio 2019

La Tonnara di Favignana chiude per la suddivisione inadeguata delle quote indivise di tonno. Lo comunica ufficialmente l’azienda titolare della tonnara fissa di Favignana che oggi 31 maggio ha interrotto subito le attività di pesca senza aspettare le 24 ore preannunciate in un primo momento.

La Nino Castiglione S.r.l. – si legge in un comunicato stampa – preso atto del D.M. n. 235 del 30.05.2019 con cui il competente Ministero ha di fatto inteso azzerare la quota tonno rosso già assegnata in maniera indivisa con D.M. prot. n. 6750 del 17.04.2019, comunica di aver interrotto immediatamente le attività di pesca con la Tonnara di Favignana”.

“La sofferta decisione – prosegue la nota –  scaturisce dal senso di responsabilità dell’azienda verso se stessa e le sue maestranze tutte, stante l’insostenibilità dell’impresa. Del resto, nessuna azienda sana si può permettere il cambio ‘in corsa’ delle regole del gioco”.

Pertanto, con rammarico, la stessa si scusa con il territorio egadino, che l’ha sin qui calorosamente supportata. Esprime infine il sincero augurio che in un prossimo futuro il Ministero abbia maggior rispetto per chi investe, non solo per profitto, ma per cultura, tradizione, occupazione”. 

Una notizia sconfortante per la Sicilia che, allo stato attuale, perde posti di lavoro e un settore economico molto redditizio. La tonnara aveva riaperto i battenti il 7 maggio dopo l’ultima chiusura avvenuta nel 2007.

 

LEGGI ANCHE:

La Tonnara di Favignana richiude i battenti, Bandiera: “Colpa del ministero”

La tonnara di Favignana riapre i battenti, volano per pesca e turismo | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin