Tonno rosso, l'80 % del pescato finisce all’estero, Manzato: “Creare una nostra filiera” | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo

interviene il sottosegretario

Tonno rosso, l’80 % del pescato finisce all’estero, Manzato: “Creare una nostra filiera”

di
11 Luglio 2019

Creare una filiera “tutta italiana del tonno rosso, per portare ricchezza e lavoro sul nostro territorio”. E’ l’obiettivo di Franco Manzato (Lega), sottosegretario alle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, con delega a pesca, latte, qualità e controllo, interpellato dalla Dire sulla vicenda del tonno rosso. Un’eccellenza italiana non sfruttata pienamente, visto che l’80% del pescato finisce sulle tavole straniere, dando lavoro e occupazione altrove invece che in Italia.

Per questo Manzato parla di “grande opportunità” che deriva dal tonno rosso, “ma il sistema per il momento non riesce ancora a coglierla. La nostra idea invece è di andare nella direzione opposta, anche attraverso la creazione di una percentuale della quantità di tonno da destinare alla lavorazione interna”. Da qui l’idea di creare di una filiera Made in Italy, che rafforzi ricchezza e lavoro, magari superando la logica ‘locale’ delle tonnare storiche. “L’enogastronomia è il terzo motivo che fa scegliere l’Italia in termini di turismo- sottolinea Manzato- abbiamo grandi opportunità non solamente attraverso le tonnare fisse ma anche col sistema delle circuizioni”. Ci sono i margini per fare “una strategia italiana di grande respiro. Non è semplicemente un’operazione di riequilibrio interno delle marinerie, vogliamo avere un ruolo importante a livello mondiale ed esser noi a portare lavoro nel nostro territorio esportando le eccellenze”. L’obiettivo finale è dunque arrivare “ad una filiera legata al territori. Questo tipo di pescato viene da zone stupende come Sicilia e Sardegna che possono diventare protagoniste”.

Un tavolo per mettere insieme tutti gli attori principali della pesca del tonno rosso in Italia, “per costruire insieme una strategia futura che metta pace tra tutti e sviluppi una visione italiana di grande rilievo”, auspica Manzato. I litigi interni e la mancanza di sinergia “sono un nervo scoperto– spiega Manzato- ci deve essere un dialogo tra loro, con le circuizioni e con tutti i soggetti che possono volare un po’ più in alto, per avere una visione strategica di lungo termine”. Obiettivo è avere un sistema “più ricco, che dà occupazione e che valorizzi” l’eccellenza. “Intento del governo è poter andare in questa direzione, per fare questo dovremo metterci attorno ad un tavolo, ed è quello che voglio fare“. Nella visione strategica anche tonnare fisse come “Cala Vinagra, Favignana e altre avranno un loro sviluppo”, sottolinea il sottosegretario. “Non solo aiuti attraverso le risorse nazionale- precisa Manzato- questa proposta punta a mantenere un valore aggiunto che oggi viene costruito da Paesi terzi come Spagna e Giappone, e utilizzare questo tipo di opportunità affinchè il valore aggiunto possa rimanere in Italia. Una visione strategica di visione, per questo apriremo un tavolo”, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti