Tonno rosso, l'80 % del pescato finisce all’estero, Manzato: “Creare una nostra filiera” | ilSicilia.it :ilSicilia.it

interviene il sottosegretario

Tonno rosso, l’80 % del pescato finisce all’estero, Manzato: “Creare una nostra filiera”

di
11 Luglio 2019

Creare una filiera “tutta italiana del tonno rosso, per portare ricchezza e lavoro sul nostro territorio”. E’ l’obiettivo di Franco Manzato (Lega), sottosegretario alle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, con delega a pesca, latte, qualità e controllo, interpellato dalla Dire sulla vicenda del tonno rosso. Un’eccellenza italiana non sfruttata pienamente, visto che l’80% del pescato finisce sulle tavole straniere, dando lavoro e occupazione altrove invece che in Italia.

Per questo Manzato parla di “grande opportunità” che deriva dal tonno rosso, “ma il sistema per il momento non riesce ancora a coglierla. La nostra idea invece è di andare nella direzione opposta, anche attraverso la creazione di una percentuale della quantità di tonno da destinare alla lavorazione interna”. Da qui l’idea di creare di una filiera Made in Italy, che rafforzi ricchezza e lavoro, magari superando la logica ‘locale’ delle tonnare storiche. “L’enogastronomia è il terzo motivo che fa scegliere l’Italia in termini di turismo- sottolinea Manzato- abbiamo grandi opportunità non solamente attraverso le tonnare fisse ma anche col sistema delle circuizioni”. Ci sono i margini per fare “una strategia italiana di grande respiro. Non è semplicemente un’operazione di riequilibrio interno delle marinerie, vogliamo avere un ruolo importante a livello mondiale ed esser noi a portare lavoro nel nostro territorio esportando le eccellenze”. L’obiettivo finale è dunque arrivare “ad una filiera legata al territori. Questo tipo di pescato viene da zone stupende come Sicilia e Sardegna che possono diventare protagoniste”.

Un tavolo per mettere insieme tutti gli attori principali della pesca del tonno rosso in Italia, “per costruire insieme una strategia futura che metta pace tra tutti e sviluppi una visione italiana di grande rilievo”, auspica Manzato. I litigi interni e la mancanza di sinergia “sono un nervo scoperto– spiega Manzato- ci deve essere un dialogo tra loro, con le circuizioni e con tutti i soggetti che possono volare un po’ più in alto, per avere una visione strategica di lungo termine”. Obiettivo è avere un sistema “più ricco, che dà occupazione e che valorizzi” l’eccellenza. “Intento del governo è poter andare in questa direzione, per fare questo dovremo metterci attorno ad un tavolo, ed è quello che voglio fare“. Nella visione strategica anche tonnare fisse come “Cala Vinagra, Favignana e altre avranno un loro sviluppo”, sottolinea il sottosegretario. “Non solo aiuti attraverso le risorse nazionale- precisa Manzato- questa proposta punta a mantenere un valore aggiunto che oggi viene costruito da Paesi terzi come Spagna e Giappone, e utilizzare questo tipo di opportunità affinchè il valore aggiunto possa rimanere in Italia. Una visione strategica di visione, per questo apriremo un tavolo”, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.