Topi, scarafaggi e rifiuti a scuola: a Palermo arrivano i Nas | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

alla Serpotta/Federico II

Topi, scarafaggi e rifiuti a scuola: a Palermo arrivano i Nas | FOTO

di
21 Settembre 2018

SCORRI LE FOTO IN ALTO

È intollerabile lo spettacolo che offre questa scuola: 200 bambini circondati dalla spazzatura in una zona quasi completamente abbandonata della città, con una vera e propria discarica a cielo aperto quale è quella di piazzetta della pace”. Igor Gelarda ed Elio Ficarra del gruppo consiliare Lega Palermo, denunciano il degrado nella scuola Serpotta/Federico II.

“Famiglie costrette, come in tante altre scuole di Palermo, a portare per sé carta igienica, sapone per le mani e altri generi di prima necessità. Una palestra da oltre un anno inagibile, e altrettanto un ascensore che non si può più utilizzare e che ha costretto la scuola a spostare gli allievi disabili a pianterreno. Scarafaggi e topi all’interno della struttura e sporcizia tutto intorno.

da-sinistra-igor-gelarda-ed-elio-ficarra
Gelarda e Ficarra

Se questo è il modello con cui vogliamo fare crescere i nostri figli forse c’è qualcosa di completamente sbagliato che deve farci capire che dobbiamo cambiare immediatamente in rotta. Non possiamo tollerare l’idea di cittadini di serie A e cittadini di serie B virgola seconda della zona in cui vivi. Un pensiero la Lega oggi lo offre a tutti quei docenti, gli operatori della scuola e anche dirigenti scolastici che nonostante una gestione assolutamente incurante dei bisogni e delle necessità dei ragazzi, continuano a svolgere con amore e con professionalità il loro lavoro.

Siamo fiduciosi nelle verifiche che stanno facendo i carabinieri attraverso i Nas e seguiremo da vicino la vicenda di questa scuola che per noi è simbolica del degrado in cui questa città, al netto delle zone sotto i riflettori del centro storico, è piombata”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin